facebook rss

Maria Grazia Mariani portavoce
di Fratelli d’Italia:
«Lavorerò per ricucire il centro destra»

OSIMO - Archiviata la parentesi delle elezioni comunali la candidata sindaco di 'Difendi Osimo' non smentisce la sua partecipazione alle Regionali 2020 con il partito di Giorgia Meloni e insieme ai coordinatori Rabini e Ciccioli annuncia che aprirà il dialogo con Lega e Forza Italia. «Con la seconda sconfitta alle Amministrative di Dino Latini è terminato l'inganno del civismo che rappresenta il centrodestra»
Print Friendly, PDF & Email

da sin. Lorenzo Rabini, Maria Grazia Mariani, Carlo Ciccioli

Maria Grazia Mariani con Carlo Ciccioli

 

Diplomazie di Fratelli d’Italia al lavoro per ricucire il centro destra ad Osimo. Maria Grazia Mariani riprende il filo dei colloqui con una nuova vesta politica, quella di portavoce di Fdi e annuncia insieme al coordinatore provinciale di partito, Lorenzo Rabini, e al coordinatore regionale, Carlo Ciccioli, la prossima costituzione di un direttivo cittadino senza smentire, tra le righe, una sua possibile candidatura per le Regionali 2020 nella lista dei 9 rappresentanti di FdI. I vertici del partito di Giorgia Meloni, con la candidata sindaco del movimento ‘Difendi Osimo’ che lo scorso maggio non ha superato lo scoglio del primo turno e lo sbarramento per entrare in Consiglio comunale, si sono ritrovati questa mattina con la stampa al ‘Polo Bar’ di Osimo per comunicare le novità e fare il punto della situazione a 30 giorni dal voto. Intanto il movimento ‘Difendi Osimo’ non sarà rottamato ma proseguirà la sua crescita strutturandosi e individuando la sua figura di portavoce.

«Per la seconda volta dopo 5 anni, migliaia di elettori di centro destra hanno preferito non andare a votare piuttosto che votare un candidato di liste civiche di incerta natura. – ha osservato Ciccioli – Non e’ stata assolutamente una vittoria di Simone Pugnaloni ma una grande sconfitta di Dino Latini, la seconda. Il centro destra come elettorato alle elezioni europee ad Osimo in tutte le sue liste ha superato il 50% e meno del 50% degli elettori ha votato Pd, M5S ed altre liste di sinistra. La vittoria di un candidato di centro destra sarebbe stata assolutamente certa se non fosse stato un candidato anomalo come Latini».

Ciccioli considerà però  questo passaggio storico come «la pietra tombale e il giudizio definitivo degli elettori sul ‘sistema Osimo’ nato sulla scomposizione dei partiti a favore delle Liste civiche. Un sistema sconfitto già 5 anni fa dal sindaco Pugnaloni che si richiamava ad una filiera di partito locale, provinciale, regionale e nazionale. Lo scorso 9 Giugno al ballottaggio Latini ha perso  di nuovo perchè anche elettori di centrodestra, con uno vero e proprio psico-trauma, hanno preferito votare il Pd Pugnaloni e non lui. Se ne deve fare una ragione. – ha sottolineato- Non è quindi più riproponibile questo schema per le prossime Regionali  se le liste civiche pensano di ‘incantare’ ancora gli elettori dicendo di rappresentare loro l’area di centro destra e quindi di poter fare come credono. Metteremo in guardia gli elettori osimani dal terzo inganno del civismo che rappresenta il centrodestra». L’ex sindaco, ex consigliere regionale e oggi consigliere comunale Dino Latini «è certamente libero di candidarsi alle Regionali e nessuno di noi porrà veti  ne serberà rancore o inimicizia, ma se andrà da solo sarà una auto sterilizzazione. – ha avvertito Ciccioli – A livello nazionale è già stato deciso che in tutte le regioni al voto, Lega, Fdi e Fi andranno insieme. Se alcune Liste civiche vogliono aggregarsi bene venga, l’elettorato di centro destra avrà i suoi simboli anche a Osimo. Contiamo che Maria Grazia possa accettare di candidarsi».

Lorenzo Rabini con Maria Grazia Mariani

Liste civiche a parte, se la mediazione in extremis per una candidatura unica e forte a sindaco per le Comunali 2019 con i partiti del centro destra di Osimo è sfumata, va solo considerato un errore da archiviare con il passato. Con un po’ di buona volontà FdI è convinto che si può ripartire e che torneranno idee e coesione. Stasera intanto il partito a livello provinciale si ritroverà a tavola a Numana con i quadri dirigenti, al ristorante ‘Girasole’ per iniziare a ragionare proprio delle Regionali dell’anno prossimo. «Non bisogna assolutamente soffermarsi troppo sul passato pur esprimendo un preciso giudizio: guardiamo il futuro, alle Regionali 2020. Facciamo appello alla Lega e a Forza Italia di Osimo di riprenderci da subito il nostro spazio elettorale, che si esprime con i risultati delle Europee e che puo’ esprimere una rappresentanza politica che dal prossimo anno governera’ la Regione» hanno ripetuto all’uniosono Mariani, Rabini e Ciccioli nel corso della conferenza stampa, stamattina. Insomma il partito è intenzionato a giocare un ruolo chiave per i prossimi mesi, come pontiere impegnato a ricucire le varie anime disperse del centrodestra osimano.

Alcuni esponenti di Difendi Osimo, alla presentazione della campagna elettorale per le Comunali 2019

Un lavoro di sintesi che tuteli però anche l’etereogeneità dei vari gruppi politici e si ricongiunga in una dimensione sovra comunale anche alle altre città della Valmusone, da Camerano a Castelfidardo. «Intanto Osimo sara’ rappresentata con un candidato al consiglio regionale che appartiene alla nostra area politica.- hanno spiegato Ciccioli e Rabini – Maria Grazia Mariani e’ il portavoce osimano di fratelli d’italia, aderente da sempre al partito e fin da subito si attivera’ per affrontare i problemi del territorio che rimangono quasi tutti insoluti. Fratelli d’Italia e Difendi Osimo, ci saranno e insieme vigileranno sull’operato dell’amministrazione Pugnaloni soprattutto in tema di sicurezza, legalita’, aiuti alle famiglie e alla disabilita’ tenendo in massimo conto il problema della viabilita’ datato di oltre 50 anni».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X