facebook rss

Rianimazione ‘bollente’
all’ospedale Profili
con un solo climatizzatore mobile

FABRIANO - Una situazione inaccettabile, denuncia il sindacato delle professioni infermieristiche Nursind di Ancona, con le temperature che nel reparto in questi giorni di afa hanno toccato anche i 29° e con il personale costretto a gettare via farmaci costosi da somministrare a 25°. Un'assenza del più elementare livello di comfort per i degenti e per il personale che spinge la sigla sindacale a una provocazione: «Associazioni di volontariato aiutateci ad acquistare frigorifieri e condizionatori»
Print Friendly, PDF & Email

L’ospedale di Fabriano (foto d’archivio)

 

Corsie dell’ospedale ‘Profili’ di Fabriano calde come i locali di una sauna per la mancanza  di una adeguata presenza dei condizionatori d’aria. In questi giorni nella Rianimazione, in particolare, servita da un impianto di climatizzazione mobile, i degenti che già vivono una condizione di sofferenza legata alla malattia, boccheggiano in ambienti dove il termometro sfiora i 29°. Un’assenza del più elementare livello di comfort che in questa settimana di afa sta producendo pesanti disagi anche al personale medico e paramedico, considerata l’ondata di caldo che ha investito la città con punte fino a 34° e che oltre a moltiplicare i malori ma mandato in quota i reclami di chi è ricoverato o fa assistenza. Una situazione inaccettabile, denuncia il sindacato delle professioni infermieristiche, il Nursind di Ancona.

la temperatura negi locali della Rianimaziuone di Fabriano

«Il caldo negli ospedali dell’area vasta 2 è insopportabile e sono molti i reparti senza aria condizionata. Alcune aree di degenza addirittura senza ventilatori e pazienti costretti a rivolgersi alle proprie famiglie per ottenerli. Pazienti, infermieri e operatori sanitari a rischio di collasso durante il turno di lavoro. – evidenzia in una nota stampa Elsa Frogioni, della segretaria territoriale Nursind Ancona – La situazione si registra specialmente nelle residenze assistite distribuite negli ex ospedali diventati ora ospedali di comunità e non si salvano neanche le strutture poliambulatoriali. Sono molti i colleghi preoccupati che inviano segnalazioni, ai dirigenti responsabili, ma purtroppo le soluzioni non arrivano. Nessun acquisto di nuovi condizionatori anche portatili, ne dei ventilatori. Le maggiori criticità sono comunque registrate all’ospedale di Fabriano. In Rianimazione le temperature con un solo condizionatore portatile hanno raggiunto e superato anche i 29 gradi!»

L’ospedale di Fabriano

Una situazione di sicura emergenza «perché in questo reparto – aggiunge la Frogioni – i pazienti hanno necessità d’infusioni continue con farmaci che mantengono la loro stabilità ed efficacia a temperature inferiori ai 25 gradi. In queste condizioni di temperatura, sono molti i farmaci costosi che i sanitari sono costretti a gettare, uno spreco che purtroppo non è possibile arginare, perché anche lo spazio nei frigoriferi in dotazione è insufficiente. Qui gli interventi da realizzare devono essere immediati, eppure sembra che nonostante i responsabili siano al corrente, nessuno è corso ai ripari». A questo punto, il sindacato delle professioni infermieristiche NurSind, si appella alla cittadinanza e alle associazioni di volontariato. «E’ necessario intervenire autonomamente Saranno ben accetti progetti per donazioni e beneficienza alla scopo di acquistare: condizionatori, climatizzatori e frigoriferi per i farmaci, necessari al presidio ospedaliero di Fabriano, specialmente per l’Unità di Rianimazione, in modo da salvaguardare assistiti e sanitari». Una provocazione questa del NurSind -segreteria di Ancona, «per scuotere dall’immobilismo, chi ha la responsabilità di ascoltare e risolvere i problemi».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page