facebook rss

Operazione anti-degrado:
blitz sulla spiaggia di Villanova

FALCONARA - Controlli di carabinieri, municipale e capitaneria: denunciato un dominicano per occupazione abusiva, rimossi bivacchi e tende
Print Friendly, PDF & Email

Il bltiz

 

Blitz di carabinieri e municipale sulla spiaggia a Villanova di Falconara: bivacchi rimossi e denunce.  Dalle prime luci del mattino, i militari della locale Tenenza, coadiuvati da personale della polizia locale hanno battuto palmo-palmo il litorale, alla ricerca di persone irregolari sul territorio nazionale o comunque per la prevenzioni di situazioni di degrado urbano e di abbandono di rifiuti.

È stato così rintracciato un cittadino dominicano, già noto alle forze dell’ordine, che si era ricavato un rifugio all’interno di un gabbiotto annesso ai servizi pubblici comunali, in corrispondenza del sovrappasso “Tramontana”: aveva infatti realizzato un’entrata dal pannello in acciaio posizionato a chiusura del locale e vi si era introdotto per bivaccarci al suo interno. L’uomo è stato dunque accompagnato in caserma per l’identificazione e successivamente denunciato per invasione di terreni o edifici. Sarà anche proposto per il divieto di ritorno nel Comune di Falconara per tre anni. Nel frattempo il gabbiotto è stato prontamente richiuso da alcuni operai incaricati dal Comune. Sono altresì state rimosse tre tende canadesi posizionate sul bagnasciuga, all’altezza del sottopasso “Cacciatori”, due delle quali – evidentemente abbandonate – sicuramente riconducibili ai due cittadini africani arrestati sabato scorso per spaccio in concorso di sostanze stupefacenti; nella terza è stato invece sorpreso un italiano 35enne di Alessandria, senza fissa dimora, anch’egli allontanato e costretto a lasciare l’occupazione del suolo.

Le tende ed i vari effetti personali rinvenuti, tra cui vecchi indumenti, coperte sporche e asciugamani logori, sono stati prontamente recuperati grazie all’intervento congiunto di personale della Marche Multiservizi che ha provveduto al ritiro ed allo smaltimento di tutto il materiale indicato dai militari e dai vigili. In itinere, è anche intervenuto personale della Capitaneria di Porto che ha rilevato la presenza di alcune decine di natanti, vetusti ed in stato di palese abbandono, i cui proprietari – ancora in corso di identificazione – potranno incorrere in severe multe, anche di carattere penale, configurandosi in alcuni casi il reato di abbandono di rifiuti. Controllati anche i locali della dismessa mensa del dopo lavoro ferroviario, i cui accessi erano già stati opportunamente murati e che tuttora continuano a garantire l’ermeticità della struttura. Ispezionati anche alcuni vagoni in stato di abbandono, posizionati al termine della strada ferrata: anche questi non paiono essere al momento frequentati. Nel corso del servizio, è stato anche recuperato un carrello spesa, attrezzato per il trasporto dei cani, appartenente ad un vicino supermercato: restituito al punto vendita, sarà sanificato e reimmesso nel parco dei carrelli a disposizione dei clienti.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X