facebook rss

Anthropos in festa,
Di Maggio secondo ai Mondiali

ATLETICA PARALIMPICA - Nella kermesse giovanile che si è svolta a Nottwil (Svizzera) medaglia d'argento per il palermitano e terzo posto per la jesina Bianca Marini, portacolori della società civitanovese guidata dal presidente Nelio Piermattei
Print Friendly, PDF & Email

 

Raffaele Di Maggio e Bianca Marini

 

Un argento e un terzo posto per l’Anthropos Civitanova ai Mondiali giovanili di atletica paralimpica che si sono svolti a Nottwil in Svizzera. La rappresentativa azzurra della Fispes vedeva nelle proprie fila tre tesserati della società del presidente Piermattei: l’atleta jesina Bianca Marini e i due palermitani Raffaele Di Maggio ed il tecnico Orazio Scarpa.

Di Maggio sul podio

Raffaele, 18 anni, è sceso in pista nella mattinata di venerdì 2 per la finale dei 400 metri pianti categoria T20. Una gara tiratissima e resa ancor più ostica dal meteo che con freddo e pioggia ha rallentato i ritmi, ma nonostante questo Di Maggio è riuscito con un buon crono di 51″56 a piazzarsi al secondo posto. Bianca Marini, 20 anni, già campionessa Mondiale nel 2017 sempre a Nottwil, è scesa in pista stamattina negli 800m piani. La gara ha visto in pista atleti di tre diverse categorie con classifica finale stilata sulla base di coefficienti pre stabiliti e prevedeva la premiazione solo delle prime due classificate. L’atleta jesina, con un buon crono di 3’53” (nel 2017 aveva trionfato con 3’47”), si è piazzata al terzo posto. Peccato per la mancata premiazione, ma pur sempre un risultato di prestigio.

Bianca Marini in gara

«Sono molto contento dei risultati dei ragazzi – dice il presidente dell’Anthropos Civitanova Nelio Piermattei – Raffaele, dopo l’argento agli Europei senior dell’estate scorsa, si conferma argento anche a livello giovanile, ma stavolta in un Mondiale. Lui in questo momento è, probabilmente, lo sprinter più forte al mondo e su questa distanza deve ancora lavorare e crescere, ma a 18 anni ha tutto il tempo di farlo. Contento anche di Bianca, confermarsi non è mai facile e lo è ancor di meno se si affronta una gara non al meglio delle proprie condizioni. Ringrazio i loro rispettivi tecnici Orazio Scarpa, per Raffaele, e Andrea Donninelli, per Bianca, per l’ottimo lavoro svolto. La nostra stagione, nell’anno del trentennale, continua con appuntamenti di respiro internazionale ed prossimo sarà a settembre con i Mondiali di paraciclismo».

Di Maggio in gara

</

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X