facebook rss

I truffatori non vanno in vacanza,
a Senigallia si fingono sordomuti

ATTENZIONE ai raggiri, a quelli online e a quelli messi in atto da sedicenti personaggi che chiedono soldi per enti, associazioni benefiche, raccolte fondi. I consigli della Polizia su come difendersi
Print Friendly, PDF & Email

Il foglio per la raccolta fondi della truffa dei sordomuti

di Talita Frezzi

Anche durante le ferie la truffa è dietro l’angolo, perché i truffatori in vacanza non vanno mai. In questo ultimo periodo i target sono soprattutto professionisti e imprese e la truffa viaggia via pec: a lanciare l’allarme è la Polizia Postale. A Senigallia, l’ultima truffa che sta destando preoccupazione tra residenti e villeggianti, è quella del falso sordomuto. Una persona che finge di essere portatore di handicap, avvicina le vittime e gesticolando, cerca di far capire che sta raccogliendo soldi per beneficienza. La denuncia di questi ultimi casi che si sono verificati sulla spiaggia di velluto ieri, è rimbalzata tramite la pagina Facebook “Segnalazioni e furti Senigallia”. Diverse persone sono state fermate dentro al bar della libreria Mondadori o per strada, stanno girando in centro al Summer Jamboree. Non hanno ricevuto consensi né donazioni, le potenziali vittime si sono accorte che quel “certificato regionale per persone non udenti e fisicamente disabili” da far firmare era una bufala. I Carabinieri della Compagnia di Senigallia non hanno ancora ricevuto denunce. Ma c’è allerta. «E’ importante innanzitutto che non si firmi niente per strada – dice l’amministratore della pagina Facebook Francesco Albani, fondatore dell’Osservatorio sulla sicurezza – poi visto che giravano in pieno centro storico, che in questi giorni è super controllato, bisogna avvisare immediatamente le forze dell’ordine. Magari – suggerisce agli iscritti – se riuscire a fare una foto a questi personaggi, li rintracciano anche più facilmente».

Come detto, specie in estate sono molto attivi i truffatori della rete. Come spiega la Polizia Postale, la vittima si vede recapitare un messaggio da un conoscente, spesso mediante la casella di posta elettronica e viene invitata a cliccare su un link. Ma il link dà accesso ad un software malevolo che infetta il device dell’utente o quantomeno entra nella casella di posta, accede alla mailing list ed invia file malevoli a tutti gli indirizzi e mail presenti nella rubrica della vittima, facendo apparire che sia lei il mittente. «Attenzione, dunque, a verificare la provenienza delle mail e a non aprire allegati o cliccare su link indicati se qualcosa nel tenore del messaggio ci lascia perplessi – scrive la Polizia postale in una nota – anche gli indirizzi pec, infatti, non ci tutelano completamente dalla presenza di virus o malware. Infatti la loro caratteristica è quella di indicarci con certezza l’identità del mittente ma se quest’ultimo è stato oggetto di attacco o ha il dispositivo infetto, la pec inviata non è più sicura e può fungere da veicolo di infezione o essere uno strumento di phishing». Attenzione a falsi messaggi provenienti dall’INPS in cui si richiedono pagamenti per contributi dei dipendenti. L’INPS ha infatti comunicato che non è origine delle mail di richiesta che stanno pervenendo a uffici professionali o ditte del nostro territorio. Non fornire dati attraverso il canale whats app: bisogna diffidare del fatto che enti o società richiedano di fornire dati personali attraverso questo canale. Non è la prassi ufficiale e quindi non bisogna aderire alle richieste.

Truffa online (foto d’archivio)

Anche in estate, attenzione alle modalità di compravendita di valuta estera e di moneta elettronica: stanno pervenendo al 113 segnalazioni di questo tenore da diverse vittime. Banche e consulenti finanziari non possono chiedere al cliente di installare software di “remotizzazione” (tipo teamwiewer) poiché la normativa sulle società finanziarie non lo considera una prassi corretta ed è vietata dalla legge. Pertanto attenzione a tali richieste: sono sempre irregolari e quasi sempre nascondono un tentativo di truffa. Per effettuare pagamenti o per ricevere denaro, infine, è corretto ricorrere ai tradizionali sistemi di home banking. Si tratti dell’utilizzo del token, si tratti delle apposite app., sono mezzi di per sè sicuri, essendo programmati in maniera piuttosto solida. Anch’essi, tuttavia, possono fornire una possibilità di attacco agli hacker. Il problema, infatti, è più spesso costituito dal sistema operativo del pc o dello smartphone quando non piuttosto, dallo strumento stesso. Un sistema infetto consente all’hacker di conoscere password e/o pin e quindi entrare nel conto corrente on line, disporre bonifici, ricariche e, quindi prelievi. Spesso non occorre neppure che l’hacker sia così esperto da violare password, porte, sistemi. Molto più spesso si tratta di un bravo manipolatore, un ingegnere sociale che induce la vittima a fornire essa stessa le credenziali per entrare nel conto on line.

Foto d’archivio

Non è da ingenui cadere nelle trappole, gli artifici sono credibili e ben confezionati, le domande e le attività richieste sono credibili ed efficaci per l’autore del reato. Di sicuro proteggere il p.c. e lo smartphone con sistemi di sicurezza è indispensabile, ma essere diffidenti con chi ci rivolge richieste insistenti, poco comprensibili o illogiche è del pari importante per salvaguardare i nostri risparmi. Così pure, ben vengono i sistemi di autenticazione a due vie, offrono di sicuro una garanzia ulteriore di identificazione dell’autore della disposizione, ma quando una delle due vie è compromessa (la mia scheda telefonica è bloccata perché  qualcun’altro sta utilizzando la numerazione) la sicurezza non può più essere garantita ma anzi, proprio lo strumento deputato a garantirla (il messaggio inviato all’utente) diventa la via per effettuare il prelievo fraudolento. In caso di non funzionamento della scheda telefonica su cui viene inviata la password, quindi, la Polizia consiglia di contattare l’operatore telefonico e verificare se vi sia stato il blocco e la riapertura di una nuova scheda.

Foto d’archivio


In tal caso è opportuno bloccare immediatamente il conto corrente tramite numero verde bancario o operatore di sportello, se disponibile. In ogni caso la tempestività è importante : contattare l’istituto di credito e/o le Poste e sporgere denuncia evidenziando eventuali tentativi di phishing e/o malfunzionamenti dei supporti telematici. E’ sempre buona norma verificare che la password di accesso al sito di home banking non sia memorizzata di default sul supporto, nonché che il log out sia stato veramente effettuato. Non memorizzare sul supporto i codici di sicurezza, di qualsivolglia natura, ma digitarli ex novo di volta in volta. Infine: attenzione alle comunicazioni su whatsapp in quanto la crittografia end to end si applica durante la comunicazione ma non quando essa viene visualizzata o scaricata sul supporto; inoltre il numero associato a whatsapp e che appare al ricevente potrebbe essere alterato dall’hacker e/o corrispondere ad un ignaro utente estraneo al fatto. Anche in vacanza, quindi, usiamo prudenza. Le truffe sono sempre al lavoro.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page