facebook rss

Carolina Stramare è Miss Italia 2019,
la marchigiana Giulia Ciarlantini in top 20

BELLEZZA - La maceratese Maria Gabrielli e l'ascolana Simona Viola fuori alla prima eliminatoria. La fermana Gaia Foglini si ferma tre le prime 40. La 18enne di Porto Recanati, Miss Marche 2019, arriva più lontano. Per tutte rimane la soddisfazione di essere arrivate in finalissima, tra le 80 più belle d'Italia
Print Friendly, PDF & Email

 

Le miss in gara

Carolina Stramare incoronata Miss Italia 2019

 

di Walter Luzi

Le Marche passano la corona alla Lombardia. Miss Italia 2019 è Carolina Stramare, di Vigevano. I saluti finali affidati alla marchigiana Carlotta Maggiorana, Miss Italia 2018. Tra le quattro finaliste marchigiane solo la recanatese Giulia Ciarlantini riesce ad entrare fra le prime venti. La fermana Gaia Foglini si ferma fra le prime quaranta. L’ascolana Simona Viola (arriva da Folignano) e la maceratese Maria Gabrielli sono finite fuori gara invece già alla prima eliminatoria. Per tutte rimane la soddisfazione di essere arrivate in finalissima. Un ricordo comunque indelebile per tutta la vita oltre ogni comprensibile delusione e inevitabile polemica.

Giulia Ciarlantini

Carlotta Maggiorana apre la serata. E’ la più emozionata di tutte. Noi marchigiani abbiamo aspettato per trentasette anni il ritorno nella nostra regione di quella corona. Alessandro Greco detta i tempi, Gina Lollobrigida è l’icona della serata. Prima carrellata sulle concorrenti ed è subito via al televoto. Le telecamere le inquadrano da capo a piedi. I body di gara sono civettuoli come non mai. Il sorriso di Giulia Ciarlantini, la Miss Marche, buca il video e i risultati si vedranno. Alla prima eliminatoria la formazione marchigiana viene subito dimezzata. Escono subito di scena infatti Simona Viola e Maria Gabrielli. Per loro resterà fino all’ultimo solo la speranza, remota e vana, del previsto ripescaggio di una sola concorrente fra le escluse.

Lo show va avanti. Fra le tante miss Italia di ogni tempo, ospiti dell’ottantennale, rivediamo Tania Zamparo che iniziò con la fascia di miss San Benedetto la sua avventura nel 2000, e c’è spazio per Anna Zamboni, miss Italia 1969 a Salsomaggiore, nativa di Campofilone. Non c’è invece Patrizia Nanetti, l’anconetana seconda miss Italia marchigiana incoronata a Formia nel 1981. La seconda sì, perchè la prima marchigiana ad essere stata proclamata Miss Italia, nella esclusiva location di Stresa, era stata Mariella Giampieri, una ventunenne di Chiaravalle, trentadue anni prima, nel 1949.
Dopo la parentesi dedicata alla violenza sulle donne irrompe in ribalta Peppino di Capri, che è nato nello stesso anno del concorso, e quindi potenziale bisnonno delle miss concorrenti. Si riprende quota con l’allenatrice della nazionale femminile di calcio Milena Bartolini e, soprattutto, con Benji & Fede che fanno ballare tutte le miss con il loro tormentone estivo. Samanta Togni è un valore aggiunto, Novella Calligaris, Sara Simeoni e Isolde Kostner i miti femminili dello sport. Con Fausto Leali si torna all’intermezzo gerontologico. Con Tosca D’Aquino a sorridere. Le ragazze invece tornano a casa. Settantanove a mugugnare. Una sola davvero felice. Quella con la corona di Miss Italia sulla testa: Carolina Stramare.

La sfida di Maria e Giulia, tifosi speciali per le due miss: countdown per la più bella d’Italia

</

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X