facebook rss

Tempesta aritmica, 11 persone salvate:
il Lancisi un polo d’eccellenza

ANCONA - Presentati i risultati del dipartimento di Scienze cardio-vascolari degli Ospedali Riuniti. Ceriscioli: «Qui c’è un luogo accogliente, di alta qualità e di grande umanità»
Print Friendly, PDF & Email

Luca Ceriscioli tra Michele Caporossi e Sauro Longhi

 

«Qui c’è un luogo accogliente, di alta qualità e di grande umanità che testimonia che non dobbiamo uscire dalla regione per trovare le risposte migliori al bisogno di salute dei marchigiani». Così il Presidente Regione Marche, Luca Ceriscioli, questa mattina al ‘Lancisi’ Dipartimento di scienze cardio-vascolari degli Ospedali Riuniti di Ancona. Oggi si festeggiano risultati eccellenti: undici pazienti affetti da tachicardia ventricolare maligna incessante, la cosiddetta tempesta aritmica, sono stati salvati con l’approccio dell’ablazione cardiaca epicardica recentemente introdotta nella struttura. Un importante risultato, testimoniato dal racconto di due degli undici salvati, ottenuto grazie all’alta professionalità di Antonio Dello Russo, l’aritmologo dei top player e degli atleti di tutta Italia operativo a Torrette dal primo giugno scorso (e che sarà il futuro direttore della Clinica di Cardiologia e Aritmologia), e dell’equipe formata da 6 elettrofisiologi, sotto la guida dell’attuale direttore Alessandro Capucci supportato da un team di esperti di altissimo profilo.

«Abbiamo puntato su una grande crescita e qualità professionale – ha aggiunto il presidente – che oggi permette di fare cose ai massimi livelli su scala nazionale. Offrire nelle Marche i servizi, lo abbiamo fatto con la cardiochirurgia e oggi con interventi salvavita di grande valore, è il segno che nella nostra regione sempre più diamo risposte ai cittadini che possono rivolgersi alle strutture nella massima fiducia potendo contare su professionisti di altissima qualità». Procedure complesse, equipe d’avanguardia, alto livello professionale e umano e le migliori tecnologie per garantire l’efficace trattamento dei pazienti affetti da tachicardiche ventricolari e che non rispondono in modo appropriato alle terapie farmacologiche, fanno del Dipartimento di scienze cardio-vascolari degli Ospedali Riuniti di Ancona ‘Lancisi’ un centro d’eccellenza di riferimento nel trattamento salvavita di aritmie ventricolari complesse. L’equipe della Clinica di Cardiologia e Aritmologia – diretta dal professor Capucci e coordinata da Dello Russo, riconosciuto a livello internazionale per la sua ventennale esperienza nel settore aritmologico maturata prima al Policlinico Gemelli di Roma poi al centro Cardiologico Monzino di Milano, è composta da sei medici cardiologi interventisti di elevata esperienza. A supporto del Laboratorio di Elettrofisiologia la Sod di Cardiologia clinica universitaria è composta da molti medici di esperienza e giovani con competenze elevate supportati da medici specializzandi. Hanno illustrato i risultati, Michele Caporossi, direttore generale Ospedali Riuniti di Ancona; Sauro Longhi rettore università Politecnica delle Marche; Alessandro Capucci, direttore di Cardiologia Clinica ed Aritmologia; Antonio Dello Russo, elettrofisiologo Cardiologia Clinica ed Aritmologia; Federico Guerra, Cardiologia Clinica ed Aritmologia; Giampiero Perna, direttore del Dipartimento di Scienze Cardiovascolari Mediche e Chirurgiche; Marco Di Eusanio, direttore della Cardiochirurgia; Cristofer Munch, direttore della Cardioanestesia; Fabrizio Volpini, presidente IV Commissione Sanità Regione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X