facebook rss

Tubatura del gas rotta,
Flaminia chiusa per quasi due ore
Intossicate madre e figlia

ANCONA - Dalla stazione a Torrette la strada è stata interdetta e sono state evacuate 50 persone dai palazzi. Le due donne hanno accusato un lieve malore dopo aver respirato il gas
Print Friendly, PDF & Email

La Flaminia chiusa

 

Disagi, malori e il traffico della città in tilt per quasi due ore. E’ quanto accaduto questo pomeriggio a causa della rottura di una tubo di gas della mega pressione. Sia la Flaminia, dal tratto dalla stazione fino a Torrette, che la linea ferroviaria sono rimaste chiuse per tutta la durata dei lavori di ripristino della conduttura.  Anche le linee urbane hanno riportato dei disagi: Le linee urbane 30 e 37 e quelle extraurbane dirette a nord, non potendo transitare nel tratto di strada chiusa al traffico, dalla stazione sono state deviate, in ambo i sensi di marcia, sulla tratta alternativa piazza Ugo Bassi – Variante – Torrette, per poi riprendere il loro normale percorso di linea. Circa cinquanta persone sono state evacuate dalle loro case dai vigili del fuoco e dagli agenti della polizia locale. A causa del metano respirato sono stati registrati alcuni malori. Poco dopo le 15 sono state soccorse in una palazzina della Flaminia madre e figlia, rispettivamente di 47 e 21 anni. Hanno respirato il gas e hanno accusato un lieve malore. Sono state portate al pronto soccorso di Torrette dalla Croce Gialla. Non sono gravi. In ospedale c’è finita anche una 13enne che era appena rientrata a casa da scuola. Dopo aver respirato il gas, ha accusato problemi respiratori e mal di testa. Attorno alle 16 la situazione è tornata alla normalità.  Le forze dell’ordine hanno prestato assistenza al personale dell’azienda del gas durante le fasi della riparazione. Dopo la riparazione della tubazione, sono state fatte rientrare le persone precedentemente allontanate ed è stato ripristinato il traffico ferroviario e veicolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X