facebook rss

Pioggia di applausi per la prima
dello spettacolo ‘L’Italia chiamò’

CASTELFIDARDO - Successo per l'opera pop sulla battaglia di Castelfidardo del 1860 portata in scena ieri sera da Franco Oppini e da un ricco cast di attori. Stasera di replica sempre all'Astra e domani la compagnia si esibirà al teatro Vaccaj di Tolentino
Print Friendly, PDF & Email

Gli attori ringraziano e ricevono gli applausi finali (foto associazione Tracce di Ottocento)

 

Buona la prima per ‘L’Italia chiamò’, l’opera ‘musicata’ sulla battaglia di Castelfidardo del 1860. Un teatro Astra gremito e lunghi applausi a sipario chiuso hanno alzato l’indice di gradimento del pubblico per il racconto teatrale scandito dalle parole e dai ricordi del contadino Italo, interpretato da Franco Oppini. Insieme ad un ricco cast di attori e alla soprano Annalisa Sprovieri, l’artista ha ripercorso sul palcoscenico le tappe storiche che hanno segnato le conquiste ed il percorso verso l’unità d’Italia. «Un’opera pop di alto livello che ha emozionato il pubblico delle grandi occasioni: la Battaglia di Castelfidardo tra prosa, lirica e musica come non è stata mai prodotta. Un evento che rimarrà nella storia della nostra città» ha commentato l’assessora Romina Calvani. Stasera, 25 ottobre, si replica sempre alle 21 all’Astra. Domani lo spettacolo per la regia di Victor Carlo Vitale, prodotto dalla Guasco e promosso da Regione Marche, Comune di Castelfidardo, associazioni Tracce di Ottocento e Fondazione Ferretti, andrà in scena al teatro Vaccaj di Tolentino.

Franco Oppini

 

“L’Italia chiamò”, Franco Oppini: «La storia va insegnata anche a teatro» (Video)

Franco Oppini visita i luoghi della battaglia di Castelfidardo

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X