facebook rss

Copertura in vetro per il lapidarium
del Comune, il sindaco:
«Può ospitare il museo archeologico»

OSIMO - L'idea progettuale è venuta al primo cittadino sull'esempio della soluzione studiata da Spoleto. Il nuovo spazio, oltre a trasformarsi in sala conferenze per ogni stagione, potrebbe permettere l'esposizione della statua di Plotina e degli altri reperti oggi custoditi nella sezione di Palazzo Campana e aiutare a superare il problema delle barriere architettoniche con l'utilizzo continuo del secondo ingresso del Comune
Print Friendly, PDF & Email

Osimo, lo spazio senza copertura del lapidarium, in fondo all’atrio di Palazzo comunale che ospita le statue romane acefale (foto Sauro Strappato)

La cerimonia delle civiche benemerenze 2014 organizzata nel lapidarium dell’atrio del  Comune di Osimo (foto Bruno Severini)

 

Una copertura in vetro  e acciaio per trasformare il lapidarium  all’aperto nell’atrio di Palazzo comunale in una sala conferenze al chiuso ma anche  in spazio ‘trasparente’ per ospitare la sezione del museo archeologico di Osimo. I reperti antichi della città oggi sono custoditi nella sale di Palazzo Campana e al museo civico dopo il furto di due statuette romane avvenuto dicei anni fa. Le sculture, una Afrodite e un efebo appartenenti al patrimonio indisponibile del Comune dal 1700, erano  state trafugate dall’atrio di Palazzo comunale tra luglio 2008 e il gennaio 2009 e non sono mai state più ritrovate.

Il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni

L’idea progettuale è venuta al sindaco Simone Pugnaloni passeggiando per le vie di Spoleto e ammirando la soluzione architettonica studiata dalla città umbra. «Questo progetto puo’ divenire realta’. – ha commentato in un lungo post su facebook il primo cittadino di Osimo – Chiedero’ subito un parere alla Sopraintendenza predisponendo un studio di fattibilita’. Una copertura in vetro con sostegno in acciaio per fare della zona lapidarium una aula conferenze ed uno spazio da dedicare interamente al museo archeologico della citta’ collegando la storia legata ai reperti archeologici ritrovati sotto il loggiato ad una visita piu’ approfindita a tutti i beni archeologici della citta’ oggi conservati a Palazzo Campana, cosi da trovare definitivamente uno spazio a “Plotina”. Ritroveremo contemporaneamente quella sicurezza per riaprire con adeguata sorveglianza il montascale che dal loggiato ci conduce all’entrata degli uffici comunali e cosi facendo avremo di fatto abbattuto le barriere architettoniche nell’accesso al Palazzo. Una prospettiva futura per la quale mettersi subito al lavoro che mi è venuta passeggiando per Spoleto e che rende concreto un sogno che può divenire realtà». Oggi il lapidarium di Palazzo comunale, essendo a cielo aperto, viene utilizzato per l’organizzazione di conferenze pubbliche durante la bella stagione o può essere affittato per i matrimoni civili, mentre a natale accoglie il presepe della città.

La foto della copertura in vetro di Spoleto, postata come esempio dal sindaco Pugnaloni sui social media

Nel dibattito social che ne è scaturito diversi cittadini hanno fatto notare al sindaco che le vetrate potrebbero essere insozzate dal guano dei piccioni che da anni  colonizzano il centro storico. Simone Pugnaloni ha però garantito che la struttura in acciaio e vetro sarebbe predisposta per la pulizia periodica. Per il coordinatore osimano di Fratelli d’Italia, Maria Grazia Mariani, «il progetto è certamente interessante» ma andrebbe sistema il palazzo che è stato danneggiato dal sisma del 2016-2017.«Una parte è inagibile, – ricorda la Mariani – gli infissi obsoleti e gli interni hanno bisogno di restyling non più rinviabili. È non dire aspettiamo i soldi del terremoto perché quelli non arriveranno mai! Per lo meno non arriveranno per la nostra campata». Anche Stefano Gatto, l ’ex sindaco di Offagna, candidato al consiglio comunale di Osimo nelle Amministrative dello scorso maggio con il gruppo Liste civiche, rammenta che «le finestre sono rovinate da prima del terremoto e non è una buona immagine ricordo che durante il mandato del sindaco Simonini (Liste civiche) un consigliere allora in minoranza oggi in prima linea in maggioranza fece un interrogazione proprio sulla manutenzione delle finestre del Comune. Da allora sono passati 9 anni».

Reperti archeologici a vista sotto il pavimento in vetro delle logge

Osimo, parte la ripulitura delle statue romane senza testa

La statua dell’imperatrice Plotina esposta al museo archeologico

Vuoi sposarti in Comune? Paghi 150 euro anche con gli uffici aperti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X