facebook rss

Regionali 2020, Fiori (Forza Italia):
«Per la candidatura a governatore
presenteremo una rosa di nomi»

ASCOLI - Il commissario regionale azzurro congela l’apertura neri confronti di una candidatura Castelli per il centrodestra fatta dal coordinatore anconetano Silvetti e replica anche all’assessore Donatella Ferretti: «Nessuna fuga in avanti sui nomi. Prima vengono la coalizione e soprattutto il programma: lavoro, crescita, infrastrutture, sanità e problemi delle aree terremotate»
Print Friendly, PDF & Email

Il commissario regionale di Forza Italia, Marcello Fiori

In merito all’apertura del coordinatore provinciale anconetano di Forza Italia, Silvetti, verso la candidatura di Guido Castelli a presidente della Regione per il centrodestra, interviene il commissario regionale azzurro, Marcello Fiori. Un intervento, il suo, di replica anche all’assessore ed esponente di spicco di Forza Italia, Donatela Ferretti. «Il centrodestra deve essere unito ed aperto ai movimenti civici per un programma mirato a  lavoro e sviluppo. Nessuna fuga in avanti sul candidato», sottolinea Fiori.

Questo dopo la riunione del comitato Regionale di Forza Italia Marche svoltasi alla presenza, oltre che dei coordinatori provinciali, anche del senatore Andrea Cangini e degli altri componenti del comitato stesso, con il deputato Simone Baldelli in collegamento telefonico. «In quella sede – chiarisce Fiori – abbiamo definito la linea politica di Forza Italia sulle elezioni regionali e i vari step da portare avanti a riguardo, con il futuro delle Marche sempre in primo piano. Lavoro, crescita economica, sviluppo delle infrastrutture, sanità e in particolare i problemi delle aree terremotate sono le vere priorità – aggiunge il commissario azzurro – non ci appartiene nessuna valutazione su nomi, candidature o incarichi tantomeno in casa d’altri. Per quanto riguarda Forza Italia, il candidato governatore viene indicato dal comitato di presidenza, sentito il coordinatore regionale. Prima dei nomi vengono la coalizione e il programma, e dopo anche noi, presenteremo una rosa di candidature per la carica di governatore vista la grande qualità della nostra classe dirigente. Pertanto le esternazioni di queste ore (anche sui social) – chiosa Fiori – paiono più come auspici o dannosi cori di tifosi, che non frutto delle necessarie intese politiche e programmatiche».

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X