facebook rss

Gestione abusiva di rifiuti speciali:
nei guai un imprenditore

ANCONA - Chiuse le indagini per un falconarese proprietario di due capannoni dove venivano ammassate componenti meccaniche, carrozzerie di veicoli, oli lubrificanti esausti, batterie esauste ed un consistente numero di pneumatici usati
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Gestione abusiva di rifiuti speciali: indagato un imprenditore falconarese. L’avviso di conclusione indagini gli è stato notificato nei giorni scorsi da parte dei carabinieri del Noe. L’uomo è proprietario di due capannoni dislocati nel capoluogo dorico. Avrebbe gestito abusivamente rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, costituiti prevalentemente da veicoli fuori uso e loro componenti meccaniche. L’attività investigativa è  iniziata a gennaio 2018, quando i militari, a seguito di varie segnalazioni arrivate dagli abitanti del luogo, effettuavano mirati servizi di controllo ed appostamento, al seguito dei quali, dopo aver localizzato l’area riscontravano che l’indagato era dedito alla gestione abusiva di veicoli fuori uso, componenti meccaniche, carrozzerie di veicoli, oli lubrificanti esausti, batterie esauste ed un consistente numero di pneumatici usati.

Il comandante del Noe Ancona, il tenente Antonio De Santis

Sono in corso le attività di smaltimento dei rifiuti e di bonifica dell’intera area interessata, al fine di scongiurare pericoli di inquinamento ambientale.

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X