facebook rss

Vigili del fuoco e marittimi
festeggiano Santa Barbara
(Foto e Video)

ANCONA - Nel rispetto della tradizione e per la ricorrenza dedicata alla patrona di entrambi i corpi, stamattina alla presenza delle massime autorità, l’arcivescovo Angelo Spina ha celebrato la messa nella chiesa di Santa Barbara nel comprensorio della Marina Militare. Cerimonie anche nei distaccamenti di Jesi, Senigallia, Arcevia, Fabriano e Osimo
Print Friendly, PDF & Email

Foto ricordo della festa di Santa Barbara 2019 dell’arcivescovo Spina con le autorità militari e civili

 

 

Come tradizione vuole, anche i vigili del fuoco ed i militari della Marina Militare di Ancona stamattina hanno festeggiato Santa Barbara. Alla presenza delle massime autorità della Provincia, l’arcivescovo della Diocesi di Ancona ed Osimo Mons. Angelo Spina  ha celebrato  la messa poer la ricorrenza dedicata alla patrona di entrambi i corpi.nella chiesa di Santa Barbara, nel comprensorio della Marina Militare di Ancona.  I militari della Marina ed i Vigili del Fuoco hanno commemorato la comune patrona assieme uniti anche in questa occasione per il condiviso spirito di servizio al Paese ed alla sua popolazione, nella bellissima chiesa, l’unica delle Marche intitolata alla santa. Per i Vigili del Fuoco quest’anno la ricorrenza di S. Barbara segna un importante traguardo.

Nel 1939, ottanta anni fa, fu istituito il Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco, riunendo sotto un’unica organizzazione i Corpi, fino ad allora prevalentemente comunali. Proprio in occasione di questa ricorrenza il Presidente della Repubblica, in segno di apprezzamento per la grande capacità operativa, ha conferito alla bandiera del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco la medaglia d’oro al valore civile. Nella mattinata sia la Marina Militare che i Vigili del Fuoco hanno anche voluto ricordare con piccole ma significative cerimonie ricordare anche i loro colleghi che hanno sacrificato le loro, spesso giovani, vite nell’adempimento del loro dovere, l’ondata di solidarietà che i tragici eventi accaduti ai loro rappresentanti in Italia e nel Mondo ha generato attorno ai due Corpi in tutta Italia che ha reso ancora una volta consapevoli dell’importanza del servizio reso da Marina Militare e Vigili del Fuoco e della responsabilità di assolverlo nel migliore dei modi.

I vigili del fuoco di Osimo

Festeggiamenti anche a Osimo, dove il sindaco Simone Pugnaloni ha ricordato l’importanza fondamentale del presidio dei vigili del fuoco su Osimo. Il sindaco è stato ospite della celebrazione  avvenuta alla presenza del comandante provinciale Dino Poggiali, del Capo Distaccamento Pierluigi Pirchio e delle autorità civili e militari. La celebrazione eucaristica è stata celebrata da don Fabrizio, parroco della parrocchia San Sabino, al quale è stata donato un altorilievo realizzato dal Capo Reparto Angelo Melaranci raffigurante la Santa Barbara. «La caserma di Osimo compie 1200 interventi annui, 15% del totale sulla Provincia – sottolinea il sindaco Simone Pugnaloni – un ringraziamento al capo distaccamento Pirchio per la disponibilità che rende alla nostra Amministrazione ogni qualvolta lo coinvolgiamo in temi di interesse cittadino». Presenti tutte le forze dell’ordine insieme alla Polizia locale a significare la grande collaborazione tra le istituzioni. E’ stata apposta una corona d’alloro in ricordo del vigile del fuoco osimano Paolo Cesaretti scomparso in servizio.

La cerimonia religiosa per celebrare Santa Barbara a Osimo

Un pensiero commosso nel ricordo di Matteo, Marco e Antonio, i colleghi caduti a inizio novembre durante un intervento in provincia di Alessandria, si è levato dal distaccamento di Jesi durante la cerimonia religiosa officiata dal vescovo della Diocesi Gerardo Rocconi e dal parroco della chiesa del Divino Amore don Paolo Ravasi.
«I ragazzi, li chiamo così, anche quelli di una certa età – dice il funzionario provinciale Angelo Molinari – quando escono sono consapevoli dei rischi che potrebbero correre. Rischi che debbono essere compensati con preparazione, formazione e addestramento costanti. Siamo al servizio della gente e sempre lo saremo», conclude ricordando che nel corso di un anno di attività i 28 vigili del fuoco jesini hanno effettuato oltre 1.500 interventi, una media di quasi quattro partenze al giorno». La cerimonia, celebrata nel garage davanti ai mezzi, ha visto la partecipazione delle autorità civili e militari, oltre che dei pompieri in congedo. Una grande famiglia che ogni anno si ritrova con calore e vicinanza.

A Fabriano è stato inaugurato un nuovo automezzo con benedizione da parte del vescovo emerito di Fabriano e Matelica mons. Giancarlo Vecerrica alla presenza dei sindaci e autorità del territorio. Ad Arcevia si è svolta una simulazione di intervento S.A.F. (Speleo Alpino Fluviale) sul campanile della chiesa di S. Barbara a Barbara e dimostrazione di attrezzature e mezzi di soccorso. A Senigallia infine il personale, insieme alle autorità e alle altre forze dell’ordine e associazioni combattentistiche e d’arma, hanno partecipato alla Santa Messa officiata dal vescovo, mons. Franco Manenti. A Senigallia, la celebrazione in Duomo alla presenza delle autorità civili e militari. Per il secondo anno, l’Associazione nazionale Carabinieri di Chiaravalle gemellata con la Guardia costiera di Senigallia, ha preso parte con i suoi rappresentanti alla cerimonia, rinnovando il gemellaggio. Un ulteriore incontro tra l’Anc e la Guardia Costiera si terrà l’8 dicembre presso il ristorante Pomodoro di Senigallia.

I vigili del fuoco di Osimo ‘schierati’ per la festa di Santa Barbara

Osimo, la consegna del dono-scultura

I vigili del fuoco di Senigallia celebrano la santa patrona insieme ai militari della Marina

La cerimonia di Santa Barbara nella caserma dei vigili del fuoco di Fabriano

I vigili del fuoco di Arcevia festeggiano Santa Barbara

I Vigili del fuoco di Jesi con il vescovo Gerardo Rocconi

Il funzionario Angelo Molinari

La cerimonia di Santa Barbara ad Ancona

Print Friendly, PDF & Email
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


X