facebook rss

Sforamenti delle Pm 10, scatta
il divieto per i vecchi diesel

JESI - Da domani al 31 dicembre la città di Federico II impone lo stop con ordinanza ai veicoli immatricolati negli anni '90 nei giorni del lunedì e venerdì di ogni settimana, nelle fasce orarie 8.30-12.30 e 14.30-18.30
Print Friendly, PDF & Email

 

I valori delle polveri sottili tornano ai livelli di guardia a Jesi e da domani, quasi alla vigilia di Natale, scatteranno i divieti di transito per i mezzi più inquinanti per due giorni a settimana. La qualità dell’aria per il pm10 a tutela della salute, per legge, non deve superare un valore giornaliero di 50 mg/mc e per più di 35 volte all’anno. Gli sforamenti registrai in città sono stati 19 fino ai giorni scorsi e da domani, lunedì 23, fino a a martedì 31 dicembre scatteranno le limitazioni alla circolazione per alcune categorie di veicoli in determinate fasce orarie con lo scopo di migliorare la qualità dell’aria. Con ordinanza 138/2019, il Comune di Jesi ha stabilito il divieto di transito nel territorio comunale, da parte dei veicoli diesel di più vecchia immatricolazione è in vigore nei giorni del lunedì e venerdì di ogni settimana, nelle fasce orarie 8.30-12.30 e 14.30-18.30.

Non possono circolare, nei giorni e negli orari stabiliti dal divieto i seguenti mezzi: Veicoli diesel pre Euro, Euro 1, Euro 2, Euro 3; Veicoli a benzina pre Euro, Euro 1; Autobus urbani ed extraurbani diesel pre Euro e Euro 1, 2, 3; Motocicli > 50 cm3 2 tempi pre Euro; Ciclomotori s 50 cm3 pre Euro. E’ consentito l’utilizzo sia dei mezzi agricoli sia delle macchine operatrici nei cantieri e nelle zone agricole o di verde pubblico e privato, eventualmente siti nei luoghi di applicazione del presente articolo, fermo restando che il trasporto dei medesimi nel luogo di impiego deve avvenire mediante altro veicolo consentito. La categoria Euro del proprio veicolo può essere verificata on line sul Portale dell’Automobolista del Ministero dei Trasporti, oppure puo’ essere dedotta dal bollo oltre che dal libretto di circolazione.

Viale Cavallotti

In deroga al divieto di transito possono circolare i seguenti veicoli: automezzi per il trasporto pubblico, che non rientrano fra quelli di cui al comma 232 della L. 23/12/2014, n. 190; taxi e veicoli NCC (Nolo Con Conducente) fino a 9 posti, che non rientrano fra quelli di cui al comma 232 della L. 23/12/2014, n. 190; veicoli delle forze di polizia; veicoli di altri ufficiali ed agenti di polizia giudiziaria in servizio; veicoli delle forze armate; veicoli sanitari e di soccorso (compresi: ambulanze ed automediche; veicoli dei medici in visita domiciliare; veicoli dei Vigili del Fuoco, della Protezione civile, dei servizi tecnici degli Enti locali e dei servizi tecnici delle aziende che eserciscono pubblici servizi (acqua, gas, energia elettrica, telefoni, igiene urbana, etc.), ma esclusi i veicoli delle imprese che eseguono lavori, forniture e servizi per i medesimi enti; autofunebri, carriattrezzi adibiti al soccorso stradale; veicoli diretti alle strutture sanitarie di tipo ospedaliero che trasportano pazienti, medicinali, plasma e altro per trasfusioni, organi da trapiantare, gas e materiali medicali, attrezzature, per i quali può essere motivato lo stato di necessità e urgenza; veicoli che conducono al domicilio dei pazienti gas medicali, medicinali salvavita e attrezzature mediche salvavita, per i quali può essere motivato lo stato di necessità e urgenza; veicoli al servizio delle persone invalide; veicoli elettrici, ibridi, a gas metano, GPL, idrogeno; veicoli dualfuel (con motore diesel) alimentati in parte a metano o GPL, eccettuati gli Euro O o pre Euro, a condizione che utilizzino effettivamente anche il metano o il GPL mentre attraversano i luoghi di applicazione; non sono consentite ulteriori eccezioni , neanche per il carico e scarico

Facoltà di rilasciare permessi temporanei.

Il Comune può concedere permessi temporanei di transito, in deroga alle limitazioni della circolazione previste nel suo territorio, per singoli veicoli individuati dalla targa, per consentire lo svolgimento di attività produttive ed esclusivamente per i veicoli commerciali da trasporto merci in dotazione ad imprese, e pertanto sono esclusi tutti gli altri veicoli a chiunque siano in dotazione, nonché i veicoli da trasporto merci non in dotazione ad imprese. Il perimetro dell’area ove vige il divieto e’ formato dalle seguenti intersezioni o vie:

– inters. via Acquasanta – via Paradiso – via Agraria;

– inters. via Tabano – via Montesecco;

– inters. via del Burrone – via Martiri della Liberta’ – via Montecappone

– via Colle onorato;

– inters. via Roma – via Baldeschi Baleani;

– inters. via Spina – via Baldeschi Baleani;

– inters. via Minonna – via Misa – via Piandelmedico;

– inters. via Misa – via Minonna;

– inters. via Fontedamo – via Roncaglia

– inters. via Fontedamo – via Pastore;

– inters. via Fontedamo – viale dell’Industria;

– inters. via Fontedamo – via Brodolini;

– inters. via Fontedamo – via Ancona – via Ghislieri;

– inters. via Ghislieri – via della Figuretta;

– inters. via Acquaticcio – via Santa Lucia;

– inters. via Santa Lucia – via Friuli;

– inters. via San Narcello – via La Larga;

– inters. via Calabria – via Sabbioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X