facebook rss

«Sei l’amante di mio marito»
Scoppia la bagarre in strada,
donna finisce in ospedale

ANCONA - E' stata schiaffeggiata dal marito, intervenuto agli Archi per fugare ogni dubbio sulla sua presunta infedeltà. A ricostruire la vicenda gli agenti della polizia locale, presentata una denuncia
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

L’ha incrociata questa mattina agli Archi, tacciandola di essere l’amante del marito ma lei, la presunta ‘terza incomoda’, ha negato ogni accusa facendo però nascere un diverbio che sembrava infinito, al punto da trovarsi costretta a chiamare il marito dell’altra e chiedergli di venire subito sul posto per fugare qualsiasi dubbio. E così è stato. L’uomo, una volta di fronte sia alla moglie che alla presunta amante, ha ribadito che tra i due non c’era alcuna relazione ma la consorte – una nordafricana di 50 anni – non ci ha creduto. A questo punto, stando a quanto rilevato, l’uomo ha dato due schiaffi alla donna facendola cadere a terra, dove è rimasta per qualche minuto priva di sensi. In quel momento stava passando una pattuglia della polizia locale che, nel vedere la donna stesa sull’asfalto, ha pensato fosse rimasta vittima di un incidente stradale. Gli agenti sono subito scesi chiedendo cosa fosse accaduto e, una volta spiegati i fatti, hanno chiamato il 118. Sul posto è intervenuta un’ambulanza della Croce Rossa. La donna, soccorsa, è stata trasportata in codice verde al pronto soccorso di Torrette. Appurato che si trattava di una questione di famiglia, è stato subito avviato il percorso di accesso al pronto soccorso riservato alle vittime di violenza. Il marito della vittima è stato quindi accompagnato negli uffici della polizia locale alle Palombare per essere ascoltato così come sono state sentite anche le versioni della moglie e delle due figlie maggiorenni accorse sul luogo poco prima che l’ira del marito si sfogasse sulla moglie. La polizia locale, una volta scritta la relazione di quanto successo, l’ha inoltrata alla procura insieme ad una denuncia nei confronti dell’uomo. Sarà ora proprio la procura a decidere come proseguire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X