facebook rss

Boato nella notte a Polverigi:
esplode la cassa a tempo dell’Unicredit

BANDITI in fuga con un bottino di circa 1000 euro. Le telecamere dell'istituto di credito oscurate con vernice. Indagano i carabinieri
Print Friendly, PDF & Email

 

Un boato stanotte ha svegliato i residenti di Polverigi: una banda composta da almeno due uomini ha fatto esplodere la cassa a tempo dell’Unicredit di via Marconi ma pare che sia riuscita a fuggire con un bottino esiguo. La quantificazione dei danni e della refurtiva è ancora in corso. L’allarme è scattato intorno alle 2.48. Sorpresi dalla sirene dei carabinieri, gli autori del furto hanno abbandonato la scena e si sono dileguati sotto gli occhi di alcuni testimoni. Le telecamere del circuito di sicurezza della filiale non hanno però registrato i movimenti della banda perché qualcuno in precedenza si era premurato di oscurare gli obiettivi coprendoli con la vernice spray.

Sul posto, sono arrivati in tempi record i militari di Agugliano e del radiomobile di Osimo che hanno dovuto però schivare alcune auto abbandonate in mezzo alla strada. Per garantirsi una fuga più agevole, prima di compiere il colpo i malviventi pare che abbiano utilizzato due vetture posteggiate nei paraggi dell’istituto di credito. Dopo averle aperte, a spinta, le hanno lasciate in mezzo a via Marconi per creare intralcio ai mezzi di soccorso. La stessa tecnica utilizzata dalla banda che nel gennaio del 2016 era fuggita senza bottino dopo aver fatto esplodere la cassa continua  dell’Unicredit caricata con 150mila euro a San Silvestro, ancorata a terra sotto il monitor e rimasta chiusa anche dopo lo scoppio. Stavolta invece la cassa blindata, che conteneva circa 10mila euro si è aperta, ma tra banconote rovinate nella deflagrazione e l’arrivo tempestivo dei carabinieri, chi ha compiuto l’assalto sarebbe riuscito a portarsi via circa mille euro.

Mentre gli artificieri bonificavano l’immobile, stamattina i militari dell’Arma si sono subito messi sulle tracce dei banditi. Al Comune è stato chiesto di poter visionare i filmati delle spycam pubbliche. I due sconosciuti sono stati visti salire su un furgone prima di scomparire nel buio ma non viene esclusa l’ipotesi che stanotte fosse presente anche  un ‘palo’. Il terzo complice potrebbe aver atteso gli altri componenti del gruppo per poi essersi allontanato magari su un secondo mezzo.

(servizio aggiornato alle ore 15.45)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X