facebook rss

“Event Studio”, una fucina musicale
tutta anconetana e non solo

MUSICA - Dal rione del Piano al resto del mondo. Junior Massimo Bazzano “Bimas” e Andrea Paladini alla guida della sala di registrazione e casa di produzione "Mastinasti Records"
Print Friendly, PDF & Email

Junior Massimo Bazzano (Bimas) e Andrea Paladini

 

Una sala di registrazione, una casa di produzione, un album. Parole, concetti e “step” che fanno pensare possano farsi solamente in grandi città come Milano o, visto il Festival appena conclusosi, a Sanremo. Eppure l’opportunità per chi suona, da solo o con una band, è ad Ancona e soprattutto è tutta anconetana.
Si trova infatti nel quartiere del Piano quella che indubbiamente è una realtà a dir poco unica per chi ha a che fare con la musica. Nata dall’idea di Junior Massimo Bazzano, 39 anni, noto a livello internazionale soprattutto come “Bimas” insieme ad Andrea Paladini, 49 anni, deejay tra i più conosciuti della riviera adriatica, ecco che l’Event Studio si concretizza.
Entrambi anconetani, dal loro studio sono già passati i Via Verdi, gruppo che di certo non ha bisogno di presentazioni e che l’Event Studio ha «avuto il piacere di ospitare proprio per sistemare alcuni dettagli tecnici di un loro lavoro».
Ma cos’è esattamente l’Event Studio? Partendo dal concetto che «la musica è fondamentale nella vita quotidiana e che tutti – spiegano – abbiamo voluto inseguire un nostro sogno ma spesso non sapevamo nemmeno da dove iniziare, a chi rivolgerci, cosa e come fare; ecco – spiegano – che noi diamo l’opportunità di iniziare anche da zero. Insieme si discute il testo, la linea melodica anche a livello compositivo e quindi l’arrangiamento per costruire e comporre il brano in maniera completa».
Durante la scorsa estate, Bimas e Paladini hanno curato completamente il brano di Alessandro Ranalli dal titolo “Non ti voglio più” lanciato poi da Fiorello durante la trasmissione “Il Rosario della Sera”.
«Abbiamo una coach voce – proseguono – che è l’anconetana Ilaria Masi, oltre ad un ufficio stampa che ha come referente Erika Barbacelli, anconetana anche lei, responsabile media di molti artisti e progetti musicali tra cui il Premio Tenco – Club Tenco. Il nostro compito, a prodotto finito – concludono -, è anche quello di individuare e parlare con le major che meglio si rispecchiano con quel prodotto».
Bimas e Paladini sono anche i titolari dell’etichetta indipendente “Mastinasti Records” (che sta producendo gli “Hawkesi” di Falconara il cui primo singolo “Tutte scuse” uscirà il 7 marzo) ed entrambi hanno un curriculum non di poco conto.
Bimas oltre ad aver prodotto dischi per importanti label internazionali di musica elettronica (Desolat, Truesoul, Defected, BeAsOne, Noir) che lo hanno portato a esibirsi con i suoi dj-set nei locali sparsi in Europa ha eseguito la sigla di apertura del Cocoricò; il remix di Makeba, cantata da Jain ma anche Safe from Arms suonata per Radio Deejay da Albertino e Joe T. Vannelli e collaborato con Yousef, Fabio Neural, Anfisa, Arado, Nice7, Leon, Joy Kitikonti (collaboratore come produzione e mastering), Mario Più e sta lavorando ai remixes ufficiali di Martin Solveig, cliente dell’ Event Studio che si è affidato alla maestria del duo di dj/produttori per questo lavoro che vedrà la luce in breve tempo.
Paladini è stato deejay dell’Aqua, Shalimar, Zerobabele, Taunus, Sui e molte altre discoteche oltre ad aver fatto tanta radio.
Le porte, tutte anconetane, dell’Event Studio (email: eventstudiov2@gmail.com) sono aperte a qualsiasi genere musicale e, soprattutto, aperte per dar voce sia ad artisti in erba che a professionisti.

(Al. Big.)

Da sinistra a destra: Joy Kitikonti, Sven Vath e Bimas

 

Andrea Paladini

 

Bimas

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X