facebook rss

«Plasma, veto incomprensibile
Vogliamo subito spiegazioni»

INTERROGAZIONE urgente del gruppo Lega in Consiglio regionale: «Ceriscioli metta da parte i cattivi consigli»
Print Friendly, PDF & Email

Paolo Arrigoni insieme a Sandro Zaffiri, Marzia Malaigia, Mirco Carloni e Luigi Zura Puntaroni

 

Il gruppo Lega presenta una interrogazione urgente in Consiglio regionale sulla sospensione nelle Marche della sperimentazione con il plasma iperimmune per il trattamento dei pazienti Covid (leggi l’articolo). La nota è a firma di Paolo Arrigoni, responsabile regionale Lega e poi dei consiglieri Sandro Zaffiri, Marzia Malaigia, Mirco Carloni e Luigi Zura Puntaroni.

«Marche unica regione d’Italia a sospendere la sperimentazione della cura per i malati Covid con plasma iperimmune. Lo ha deciso il presidente Ceriscioli, a distanza di oltre un mese (era l’8 di aprile) dall’adesione formale alla sperimentazione della terapia, dietro il parere del Comitato Etico regionale che ha respinto il protocollo, forse ipotizzando un rischio per la trasmissione di altre malattie – dicono Arrigoni e i consiglieri -. La decisione assunta è incomprensibile considerato che negli ospedali dove la sperimentazione è in corso da settimane (Mantova, Pavia, Lodi, Cremona, Padova e altri) si sono avuti risultati positivi e molto incoraggianti».

E proseguono: «Chi non vorrebbe guarire senza dover passare dalla terapia intensiva come invece la sanità regionale sembra voler ribadire con le sue scelte? Ceriscioli metta da parte i cattivi consigli, magari di qualche virologo, e non faccia, come al solito, il fanalino di coda dell’emergenza Covid. Pensi, seriamente e una buona volta, alla salute dei marchigiani consentendo da subito la sperimentazione con il plasma iperimmune».

Plasma contro il coronavirus, sperimentazione sospesa nelle Marche

Lotta al Covid col plasma dei guariti, le Marche aderiscono alla sperimentazione

 

Articoli correlati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X