facebook rss

Polizia locale, va in pensione
il comandante Graziano Galassi

OSIMO - Stamattina il sindaco Pugnaloni e la giunta hanno salutato l'ufficiale che lascia il servizio dopo 43 anni e gli hanno consegnato una targa ricordo per ringraziarlo dell'impegno
Print Friendly, PDF & Email

I saluti al comandante Graziano Galassi nella Sala Maggiore del Comune di Osimo

 

La domanda per il pensionamento l’aveva presentata lo scorso 5 dicembre. Da sabato 16 maggio, ultimo giorno da trascorrere alla centrale di via Molino Mensa, Graziano Galassi cesserà ufficialmente il servizio per collocamento a riposo e appenderà al chiodo la divisa da comandante della Polizia locale di Osimo, dopo aver maturato ben 43 anni di onorato lavoro e contributi previdenziali.

Il comandante Graziano Galassi con il sindaco Simone Pugnaloni

Stamattina si sono svolti i saluti ufficiali nella Sala Maggiore del Comune. Il sindaco Simone Pugnaloni e la giunta hanno consegnato al comandante Galassi, 66 anni dai 2001 alla guida del Corpo della Pm,  una targa ricordo ringraziandolo ed esprimendogli profonda stima e gratitudine «per la passione, la professionalità e il sacrificio spesi al servizio del Comune di Osimo e dell’intera collettività in qualità di comandante della Polizia locale».

«Dopo 40 anni di onorato servizio, oggi saluto di congedo al Comandante della Polizia locale Graziano Galassi. 6 anni insieme con la nostra Amministrazione, altrettanti quando eravamo opposizione. – ha detto il sindaco Pugnaloni – Lui, umile, gentile, solare, sempre disponibile al confronto. Ci stanno, a volte le divergenze tra la politica e la parte tecnica, ma alla fine c’è stata sempre la soluzione ad ogni problema. Io pensando al bellissimo rapporto con lui, ricordo le numerose riunioni organizzative e la stupenda due giorni dell’arrivo e la ripartenza di una tappa del Giro d’Italia 2018. Graziano Galassi è entrato in servizio alla polizia locale di Osimo il 1 marzo del 1984, per poi essere nominato comandante nel 2001. A Graziano Galassi i complimenti del suo stile professionale da tutte le forze dell’ordine ogni qualvolta ci siamo incontrati. Davvero speciale il suo servizo. Grazie di cuore».

«Una professionalità riconosciuta a livello regionale e nazionale: per molti anni è stato infatti docente presso la Scuola di Formazione Regionale per il personale della pubblica amministrazione nel corso per neo assunti in Polizia Locale, membro del Comitato Tecnico Regionale per la Polizia Locale e relatore in tanti convegni. – aggiunge l’assessore Federica Gatto – Ma i tratti che hanno caratterizzato di più il suo operato sono stati sicuramente l’umanità e l’ascolto verso le necessità e i problemi di tutti: cittadini, colleghi e amministrazione comunale. Lascia un’eredità che sarà difficile da eguagliare da parte di chi verrà dopo di lui. Colgo l’occasione per augurare tutto il meglio per il suo futuro, certa che mai mancherà un suo aiuto o un prezioso consiglio, sempre in un’ottica di servizio e abnegazione che ha caratterizzato il suo lavoro».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X