facebook rss

Droga destinata alla movida:
arrestato un pusher di 20 anni

ANCONA - Ai domiciliari è finito un ragazzo di origini colombiane. Ad incastrarlo sono state le immagini registrate a piazza del Papa da una telecamera cittadina che hanno fatto avviare le indagini della Squadra Mobile
Print Friendly, PDF & Email

La droga sequestrata dalla polizia

 

Lo avevano notato mentre attraversava con la sua auto una via limitrofa a piazza del Plebiscito e passare qualcosa a un ragazzo dopo aver abbassato il finestrino. Le immagini erano state riprese da una telecamera cittadina, mentre l’auto era in transito durante una serata del weekend. Una mossa sospetta, che ha fatto mettere subito al lavoro gli uomini della Sezione Antidroga della Squadra Mobile i quali hanno avviato una serie di controlli incrociati, implementati dalle informazioni dei colleghi delle Volanti, scoprendo quello che il conducente era solito vestire il pony express della droga.  Ieri pomeriggio, dopo una serie di serrati servizi di pedinamento e di appostamento durati alcuni giorni, il presunto pusher – un 20enne di origini colombiane, residente ad Ancona – è stato però  mentre si trovava in compagnia del fratello poco più grande, a bordo  della stessa auto immortalata dalle spycam. La vettura è stata intercettata dalla polizia nei pressi di Osimo: qui, stando all’ipotesi investigativa, il 20enne doveva consegnare un carico di stupefacenti. Immediatamente è stata eseguita una perquisizione personale effettuata sul posto dai poliziotti della Squadra Mobile, che ha permesso di rinvenire due panetti di hashish nascosti negli slip del giovane 20enne. In tutto sono stati trovati e sequestrati 2 etti e 10 grammi di droga destinati al circuito della movida anconetana o osimana. Visti gli inequivocabili riscontri probatori, il ragazzo è stato arrestato. Questa mattina è stata confermata la misura cautelare degli arresti domiciliari con fissazione della prossima udienza prevista per il  16 settembre. Il ragazzo è difeso dall’avvocato Giuseppe Cutrona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X