facebook rss

«Vetro d’asporto oltre l’orario consentito»:
il questore chiude un locale

ANCONA - Gli agenti in borghese della questura hanno sorpreso il titolare del Fast Kebab di via Carducci mentre cedeva birra in bottiglia ad alcuni ragazzi diretti in piazza del Papa. Saracinesche abbassate per sette giorni
Print Friendly, PDF & Email

La polizia davanti al locale di via Carducci

 

Vendeva bottiglie di birra in vetro oltre l’orario consentito dal regolamento comunale: il questore Pallini fa chiudere un locale. Questo pomeriggio alle 18, per l’articolo 100 del Tulps, gli agenti della Divisione polizia Amministrativa e Sociale della questura hanno fatto abbassare le saracinesche del Fast Kebab di via Carducci. Dovrà stare chiuso per una settimana. 
Sabato infatti, durante i servizi di controllo disposti dal questore, seguendo le linee guida del prefetto, gli agenti in servizio in borghese hanno notato come il titolare del locale avesse venduto delle birre in bottiglia, da asporto, ad alcuni giovani diretti in piazza del Papa. Vendita avvenuta alle 22,30, cioè un’ora e mezzo dopo l’orario massimo stabilito dall’ordinanza sindacale che impone invece la vendita di alcolici solo in bicchieri di plastica. La vendita di bottiglie in vetro, visti anche i recenti casi di risse avvenuti in piazza, per la polizia è stata effettuata in violazione della regolamentazione comunale. Nel pomeriggio, gli agenti si sono presentati facendo quindi abbassare la serranda per una settimana al negozio. I controlli procederanno incessanti anche nelle prossime notti, per contrastare la vendita di alcol a minorenni o l’asporto fuori dagli orari consentiti. Indagini verranno effettuate anche per capire il nuovo fenomeno che vede l’acquisto di alcolici da parte di maggiorenni che poi lo cedono a minorenni, nonché la vendita a chi è già ubriaco.

La polizia davanti al Fast Kebab di via Carducci mentre applica l’articolo 100 del Tulps

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X