facebook rss

Aggrediscono un operaio
per rubargli il cellulare:
due arresti in stazione

ANCONA - Due ragazzi poco più che maggiorenni sono stati portati in carcere. Un minore è stato denunciato. La vittima, un addetto alla pulizia dei treni, ha ricevuto un pugno al volto
Print Friendly, PDF & Email

La polizia ferroviaria di Ancona (foto d’archivio)

 

Aggrediscono un addetto alle pulizie dei treni per rubargli il cellulare: due arresti e una denuncia. La rapina è avvenuta questa notte, alla stazione di Ancona. Vittima, un nigeriano di 40 anni, finito al pronto soccorso di Torrette per un pugno rimediato al volto. E’ stato condotto in ospedale dalla Croce Gialla. Prima dello straniero, il terzetto aveva preso di mira un passeggero in attesa dell’arrivo del treno per Lecce. Lo avrebbero circondato per poi rubargli gli occhiali da vista. Con la refurtiva, i ragazzi si sono poi diretti a bordo di un convoglio fermo in sosta. Qui, hanno adocchiato uno smartphone che era in carica, apparentemente incustodito. Hanno allungato le mani per prenderlo, ma è intervenuto prontamente il legittimo proprietario, il 40enne che in quel momento stava pulendo le carrozze. Tra i quattro è nata una colluttazione, durante la quale il nigeriano è stato raggiunto da un pugno. Nella bagarre si è inserito anche un collega dell’addetto alle pulizie. Sono state le urla dei due operai ad attirare sul treno gli agenti della Polfer che, dopo la segnalazione del passeggero a cui erano stati rubati gli occhiali, si erano messi a caccia dei ladri. I due maggiorenni, entrambi italiani, sono stati portati in carcere con l’accusa di rapina. Il terzo, minore, è stato denunciato.Nel corso della scorsa settimana il Compartimento Polizia Ferroviaria per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo ha svolto una intesa attività di controllo su treni e stazioni ferroviarie di competenza. Sono stati 1.661 le persone identificate, 5 le persone denunciate a piede libero, 237 i servizi di vigilanza nelle stazioni ferroviarie, 26 le pattuglie automontate, 3 i daspo urbano eseguiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X