facebook rss

Tornano a casa le opere d’arte
salvate dal sisma
Al Campana la mostra di Keith Haring

OSIMO – Sono ripartite ieri per San Ginesio le tele custodite in deposito per anni in città dopo la mostra ‘Capolavori Sibillini’. Il 23 luglio sarà inaugurato l’allestimento dell’artista staunitense
Print Friendly, PDF & Email

Novembre 2016: carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico trasferiscono le opere salvate dal terremoto nei locali del museo civico di Palazzo Campana

 

Sono tornate a San Ginesio le opere d’arte salvate dal sisma del 2016 e custodite per anni in deposito a Palazzo Campana di Osimo. Ieri alcuni parcheggi di Piazza Dante sono stati preclusi alle auto proprio per garantire il ritiro in sicurezza del carico di quadri impacchettati e protetti. Tra quei tesori spiccava anche la tela della ‘Battaglia di San Ginesio’, esposta alla mostra ‘Capolavori Sibillini’, svoltasi nel 2017 proprio a palazzo Campana. Le stanze del nobil collegio Campana adesso sono pronte ad accogliere le opere di Keith Haring, l’evento culturale dell’estate 2020 dal titolo  “Made in New York. Keith Haring, Paolo Buggiani and co. La vera origine della Street Art”. La mostra sarà inaugurata giovedì 23 luglio nel rispetto di tutte le misure anti Covid e sarà visitabile fino al 10 gennaio 2021.

Mauro Pellegrini (primo da destra) durante la presentazione della mostra di Keith Haring che avrebbe dovuto essere inaugurata lo scorso 28 marzo ma che è stata rimandata per l’emergenza Covid 19 al prossimo 23 luglio

L’allestimento, organizzato  dall’assessorato alla Cultura, guidato dall’assessore Mauro Pellegrini, in collaborazione con la Fondazione Don Carlo Grillantini, l’Istituto Campana per l’Istruzione Permanente e l’Associazione Culturale “Metamorfosi” e l’Azienda Speciale Servizi Osimo Asso, sarà presentato venerdì al mercato coperto con gli artisti di Pop up festival.

Nel corso della conferenza stampa, la direzione artistica PopUp Studio presenterà Popup 2020 Osimo, tre mesi di arte contemporanea nello spazio urbano. L’evento, sostenuto dal Comune di Osimo e cofinanziato dalla Regione Marche, è in programma dal 18 luglio fino al 21 settembre, con artisti internazionali invitati a realizzare monumentali opere d’arte su luoghi e architetture significative della città. Popup 2020 Osimo, con i suoi interventi artistici che rimangono nel tempo a rigenerare gli spazi, vuole essere la continuazione per le strade, le piazze, gli edifici pubblici osimani della mostra dedicata a Keith Haring a Palazzo Campana. La manifestazione si colloca all’interno della programmazione degli eventi dedicati alla mostra di Keith Haring.

Il Comune di Osimo si occuperà dell’incasso della vendita dei biglietti e delle visite guidate alla mostra, nonché della ricerca di sponsorizzazioni e contribuzioni da parte di privati ed Enti pubblici, finalizzati alla copertura delle spese. Il piano economico finanziario complessivo delle entrate previste e delle spese a carico del Comune, prevede entrate complessive di 215mila euro a fronte di spese di pari importo all’interno delle quali è previsto un intervento da parte dell’ente locale di 30mila euro già stanziati nel bilancio di previsione 2020.  Durante i mesi di esposizione delle opere dell’artista statunitens, nelle sale della sezione del museo archeologico di Palazzo Campana, potrà essere ammirata anche la statua di Plotina rinvenuta nel 2016 sotto il loggiato comunale durante i lavori di rifacimento della pavimentazione.

(ultimo aggiornamento alle ore 16.55)

Con la ‘Osimo vertical night’ in centro si balla sotto le stelle

‘Made in New York’, l’arte per tutti di Keith Haring a Palazzo Campana

Da Banksy a Keith Haring: Osimo mette in mostra la street art

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X