facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Ruba tessera bancomat e preleva soldi:
tradita da spycam e tabulati telefonici

CERRETO D'ESI - I carabinieri sono risaliti alla 28enne jesina, denunciata per furto e e indebito utilizzo di carta di credito, dopo indagini tecnologiche. Il bottino composto anche da soldi in contanti era stato prelevato da un borsello lasciato su un'auto in sosta nel parcheggio del cimitero da un 67enne andato a pregare sulla tomba dei suoi cari
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

 

Va al cimitero di Cerreto d’Esi per pregare sulla tomba dei suoi cari, lasciando l’auto sul parcheggio con dentro il suo borsello. Al ritorno, un finestrino della vettura era stato spaccato e del borsello con effetti personali, tessera bancomat e 400 euro in contanti. non c’era più traccia. Denunciato il furto, il 67enne cerretano aveva dovuto digerire un’altra amara sorpresa: dal suo conto corrente erano stati prelevati 750 euro in due momenti diversi da un atm della vicina Matelica. La vicenda, consumata nel settembre del 2019, ha avuto il suo epilogo oggi. A distanza di mesi e dopo certosine indagini tecnologiche, infatti, i carabinieri della compagnia di Fabriano sono riusciti a dare un volto e un nome alla persona sospettata di aver trafugato il borsello e di aver utilizzato la tessera bancomat. E’ stata così denunciata per furto e indebito utilizzo di carta di credito una jesina di 28 anni, già nota alla forze dell’ordine. Ad incastrare la ragazza le immagini registrate dalle telecamere dello sportello atm dove erano stati eseguiti prelievi e dalle spycam nelle vicinanze e poi la sua utenza telefonica agganciata alle celle di area di Cerreto e Matelica, trascritta, nero su bianco, nei tabulati richiesti dai militari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X