facebook rss

Elezioni regionali - risultati in tempo reale

Prelievo multi-organo nella notte
all’ospedale Murri

FERMO - La procedura si è conclusa stamattina in collaborazione con l’Unità Trapianti di Ancona. Il donatore è un uomo di circa 60 anni
Print Friendly, PDF & Email

Il direttore Av4, Licio Livini

di Giorgio Fedeli

L’ospedale Murri di Fermo, con i suoi professionisti, si conferma ‘capitale sanitaria’ dei prelievi di organi. E questo grazie ai professionisti che vi lavorano e del grande cuore dei fermani, sempre più attenti e sensibili su un tema così delicato ed essenziale quale è la donazione degli organi, un gesto di amore che consente di salvare vite. Questa notte, infatti, al nosocomio fermano l’ultimo intervento di una lunga lista che ha consentito di portare a termine, al meglio, un prelievo multiorgano grazie alla donazione di un uomo residente nel Fermano.

“Si è concluso stamattina, nelle sale operatorie dell’Ospedale di Fermo, alle 5,10, infatti – spiega il direttore di Area vasta 4, Licio Livini – un prelievo multiorgano iniziato all’una di notte e portato a termine dell’equipe della Uoc di Anestesia, Rianimazione e Blocco Operatorio di Fermo in collaborazione con l’Unità Trapianti di Ancona, guidata dal dottor Dalla Bona.
Il donatore è un uomo di circa 60 anni residente nel Fermano. Il Direttore della Uoc Anestesia e Rianimazione desidera ringraziare tutti coloro che si sono spesi durante le ultime 24 ore ed in particolare la dottoressa Daniela Fiore.
L’attività trapiantologica è quanto di più complesso tra i processi sanitari. Necessita di un lavoro enorme di sensibilizzazione alla donazione, svolto dalle associazioni e dai centri di coordinamento regionale e locale, di reclutamento del donatore, mantenimento e coordinamento per riuscire ad arrivare al prelievo a scopo donativo. Ricordiamo che, al momento attuale, per diverse patologie, sia in ambito pediatrico, che nell’adulto, il trapianto rappresenta l’unica terapia salvavita. Il trapianto è possibile solo se si esprime il consenso alla donazione. Il Fermano si conferma come un territorio solidale, disponibile e altruista”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X