facebook rss

Traffico di cocaina ed eroina
trasportate con gli ovuli:
tre arresti

BLITZ all'alba della Squadra mobile su ordine della procura dorica. In manette tre nigeriani: due presi a Macerata, uno a Loreto. Nel marzo scorso era stato bloccato dalla polizia in un'abitazione del Piano
Print Friendly, PDF & Email

 

mobile-arresto

Gli agenti della polizia durante l’operazione “Body packer”

 

di Gianluca Ginella

Traffico di eroina e cocaina, in manette tre nigeriani. Il blitz all’alba a Macerata nell’abitazione dove vivevano due dei tre giovani, indagati perché avrebbero fatto parte di una associazione che spacciava cocaina ed eroina in diverse provincie delle Marche, trasportando la droga con gli ovuli. In manette anche un terzo nigeriano, arrestato a Loreto, ma in passato dimorante nel capoluogo dorico. Ha 29 anni. Gli altri due 29 e 25 anni. L’operazione nasce dall’indagine, “Body packer”, coordinata dalla procura di Ancona. Gli arresti sono stati effettuati dalla Squadra mobile di Macerata, diretta dal commissario capo Matteo Luconi, insieme alla Mobile di Ancona, diretta dal vice questore Carlo Pinto.

Carlo Pinto, capo della Mobile

Tutto prende il via da un’altra inchiesta, conclusa nel settembre 2018, anche quella sotto il coordinamento dalla Procura di Ancona, relativa allo spaccio di sostanze stupefacenti nella città dorica. In questo troncone d’indagine era emerso che a volte, i consumatori di droga, si rivolgevano a spacciatori nigeriani per sopperire alla mancanza di stupefacente (che si solito veniva fornito dagli indagati della precedente inchiesta). Così è nata l’indagine Body packer, circa due anni fa. Gli inquirenti hanno ricostruito in modo dettagliato l’organigramma di un sodalizio composto da nigeriani, che spacciava cocaina ed eroina ad Ancona, Macerata e Pesaro. Sono stati inoltre definiti i ruoli dei componenti della presunta associazione, a partire da chi era a capo, fino ai corrieri e ai fiancheggiatori.

ovuli-droga

Gli ovuli sequestrati

L’indagine ha consentito di accertare numerosissime cessioni di cocaina ed eroina che veniva trasportata dagli spacciatori con gli ovuli. Tratte le somme, il Gip di Ancona ha emesso una ordinanza che prevede tre custodie cautelari in carcere (due appunto eseguite oggi a Macerata e una a Loreto) e sette provvedimenti di divieto di dimora nelle province delle Marche.  Dopo numerosi appostamenti e pedinamenti gli agenti della Mobile hanno individuato la casa dove i due giovani vivevano e oggi li hanno arrestati. Il gip ha inoltre disposto 23 perquisizioni, sia personali che in abitazioni, che sono state messe a segno ad Ancona, Macerata, Pesaro e Vercelli. L’indagine Body packer, coordinata dalla Procura della Repubblica di Ancona è stata condotta dalla Squadra mobile di Ancona, con la collaborazione dei colleghi di Macerata, Ascoli, Pesaro, insieme alla polizia scientifica, unità cinofile, volanti, reparti prevenzione crimine.

Pusher in viaggio da Ancona, aveva ingoiato 10 ovuli di cocaina

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X