facebook rss

Incendio e divieto consumo molluschi:
l’Asur: «Accumulano per giorni
le eventuali sostanze disperse in acqua»

ANCONA - Fabrizio Conti, direttore dell'Unità operativa Igiene degli Alimenti di Origine Animale dell'Area Vasta 2, spiega che «solo quando si avranno le evidenze che non vi sono pericoli per il consumo di cozze e vongole provenienti dalle zone di mare potenzialmente interessate dal rogo all'ex Tubimar, verrà ripristinata la possibilità di pescarle»
Print Friendly, PDF & Email

 

«A seguito dell’incendio del 16 settembre al porto di Ancona, considerato che è presente un ipotetico rischio legato all’accumulo in cozze e vongole di sostanze generate dalla combustione, si è deciso in via del tutto precauzionale di vietare la raccolta di tali prodotti solo nelle zone di pesca interessate dalla nube tossica (prospiciente all’area portuale). Per le vongole tale area si estende dalla località Torrette di Ancona al confine nord della spiaggia di Mezzavalle e, per le cozze, dalla spiaggia del Passetto al Trave escluso. Tale provvedimento si è reso necessario poiché i molluschi bivalvi sono organismi filtratori e potrebbero accumulare nei giorni successivi all’evento le sostanze eventualmente disperse in acqua (bioaccumulo)». A spiegare i motivi scientifici che hanno indotto la decisione di vietare il consumo di molluschi è Fabrizio Conti, direttore Ai-Unità operatiova complessa Igiene degli Alimenti di Origine Animale – Prodotti Ittici e Altri Prodotti di Origine Animale dell’Asur-Area Vasta 2 di Ancona.

Allo stesso tempo si è anche predisposto un piano di campionamenti che verrà attuato dall’Unità del Dipartimento Igiene degli alimenti di origine animale dell’Area Vasta 2 – Asur Marche nelle prossime settimane, per evidenziare l’effettiva concentrazione delle sostanze tossiche nei molluschi bivalvi. «Solo quando si avranno le evidenze che non vi sono pericoli per il consumo di cozze e vongole provenienti dalle zone di mare potenzialmente interessate dall’incendio, verrà ripristinata la possibilità di pescare anche in queste zone. – sottolinea Conti – Il prodotto in commercio è sicuro poiché pescato in tratti di mare che non risultano ad oggi essere stati interessati dall’evento. Si sottolinea comunque che i risultati delle analisi eseguite dall’Arpam su campioni di aria, ad oggi, hanno evidenziato esclusivamente la presenza di diossine e diossine-simili e comunque con valori al di sotto dei limiti di tossicità cronica di riferimento (stabiliti dall’Epa– Agenzia Ambientale Usa)».

Incendio ex Tubimar, presenza nell’aria di diossine e furani Stop al consumo di molluschi e verdura

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X