facebook rss

Sconti su Tari e mense scolastiche:
«Un aiuto tangibile per le famiglie»

FABRIANO - In un video messaggio Gabriele Santarelli ha ufficializzato le agevolazioni deliberate per utenze non domestiche e studenti in questa fase di emergenza sanitaria perdurante. Dopo l'elezione in Consiglio regionale Simona Lupini si dimette da assessore ai Servizi alla Persona e all'Istruzione
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Gabriele Santarelli, in un fotogramma del video messaggio

 

Sconti su Tari e mense scolastiche: con due delibere, approvate in Consiglio comunale e in giunta, Fabriano tende una mano alle attività commerciali e alle famiglie, attivando una serie di misure di sostegno a reddito in questa fase perdurante di emergenza sanitaria.«Il Covid ha lasciato uno strascico importante sul nostro territorio. E una delle preoccupazioni della nostra amministrazione comunale era di non riuscire a essere incisivi. – ha spiegato oggi pomeriggio in un video messaggio il sindaco Gabriele Santarelli – Oltre al contributo statale, abbiamo voluto garantire un aiuto alla Tari alle attività commerciale dietro alle quali ci sono famiglie. Un aiuto tangibile e importante, che non vuole rappresentare un intervento politico ma è il risultato, ottenuto con il confronto con le associazioni di categoria e con le sigle sindacali. Ieri in consiglio comunale ha deliberato l’agevolazioni sulla Tari per le utenze non domestiche dal 20% per quelle attività, come i fiorai, che non dovevano chiudere in base ai decreti ma che non hanno lavorato comunque nei mesi del lockdown. Per gli altri in base ai giorni di chiusura, gli sconti si attesteranno dal 40 al 60%. L’impegno economico complessivo del Comune è di 516mila euro». Il Comune di Fabriano ha inoltre deciso di rinviare al prossimo anno il nuovo metodo di conteggio della tariffa rifiuti, già adottato in altre realtà.«Abbiamo rimandato per evitare che l’aumento si scaricasse sui bilanci familiari e aziendali in questa annualità critica.- ha proseguito Santarelli – L’avviso per il pagamento della Tari arriverà a novembre e il saldo si pagherà a gennaio 2021, data che abbiamo voluto posticipare il più possibile per aiutare le attività».

La seconda buona notizia annunciata dal sindaco nel video messaggio attiene alle tariffe della refezione scolastica, rivedute al ribasso le tariffe.«Oggi in giunta abbiamo adottato il nuovo piano tariffario in linea con il principio che il Comune non deve guadagnare con i servizi che gestisce ma se c’è la possibilità di aiutare deve farlo. Abbiamo pertanto alzato la fascia di esenzione al pagamento: da quest’anno non pagheranno la mensa le famiglie con Isee inferiore a 6.500 euro. Fino all’anno scorso la soglia era un Isee inferiore a 3000 euro e si pagava 3.50 euro (2 euro per il secondo)». La rimodulazione delle tariffe legate al costo dei pasti è stata rivista a diminuire anche per tutte le altre fasce di reddito: se quella da 6.500 a 15mila Isee pagava 4.10 euro, ora pagherà 3,5 euro a pasto: quella da 15mila a 20mila Isee scende dai 4,8 euro a pasto a 4,10 euro; quella da 20mila a 30mila Isee quest’anno pagherà 4,80 euro contro i 5,10 a pasto dell’anno scorso, infine quella maggiore a 30mila euro di Isee vede calare da 5,50 euro a 5 il costo del pasto al giorno.«C’è uno sconto importante anche per la tariffa unica che da 5 scende a 4 euro a pasto per le scuole primarie a tempo breve. La quota fissa – ha poi ricordato il sindaco – è stata cancellata l’anno scorso» invitando tutte le famiglie degli studenti che hanno richiesto il servizio a domanda individuale a presentare entro il 5 ottobre l’Isee per accedere alle agevolazioni.

Simona Lupini

Il sindaco Santarelli nei prossimi giorni dovrà anche valutare la scelta di un nuovo assessore a cui consegnare le deleghe del Welfare. Dopo l’elezione nel Consiglio regionale delle Marche Simona Lupini ha deciso di dimettersi dalla carica di assessore ai Servizi alla Persona (condivisa proprio con il sindaco), ai Servizi Demografici, all’Istruzione e alle Pari Opportunità del Comune di Fabriano. Il doppio ruolo è, infatti, incompatibile per legge. La 41enne ha deciso di passare il testimone a tre anni dalla sua nomina in giunta, e restituendo le deleghe nelle mani di Santarelli. La Lupini con Marta Ruggeri di Fano, costituirà il gruppo M5S in consiglio regionale, ed è anche una delle due candidate fabrianesi ad essere stata eletta nella nuova assemblea legislativa della Marche. L’altra è Chiara Biondi, esponente della Lega, nelle file della maggioranza Acquaroli.

Mense scolastiche, il sindaco: «Presentate l’Isee per gli sconti»

Sconti Tari per attività commerciali, Cna soddisfatta

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X