facebook rss

“DifferenziAmo nelle frazioni”:
Ancona verso il sistema integrale
di raccolta ‘porta a porta’

RIFIUTI - Dopo l'avvio del servizio di AnconAmbiente a Montacuto e Varano nei prossimi mesi l'operazione sarà estesa gradualmente in tutti gli angoli del territorio comunale con l'obiettivo di raggiungere a breve la percentuale del 65% di differenziata
Print Friendly, PDF & Email

foto d’archivio

 

 

Partirà da domani la nuova campagna di comunicazione di AnconAmbiente sull’avvio del servizio porta a porta nelle frazioni del Comune di Ancona denominata “DifferenziAMO nelle frazioni”. L’iniziativa che vede la compartecipazione sia del Comune che dell’Ata segue una serie di incontri sul territorio svoltisi nei mesi scorsi nei quali, ai residenti, sono state consegnate sia le cartoline con il calendario e tutte le informazioni del caso che i materiali.

Antonio Gitto

«È una campagna pubblicitaria che vuole esprimere il concetto di inclusività delle frazioni a tutta l’area urbana – ha dichiarato Antonio Gitto, presidente di AnconAmbiente S.p.A. – un’azione che può e deve passare anche con l’estensione del servizio porta a porta anche su questa porzione di territorio. Obiettivo principe della campagna è sì quella di dare un’informazione puntuale a tutti i cittadini che risiedono nelle aree oggetto dell’iniziativa, in questo caso Montacuto e Varano, ma anche di comunicare a tutte le altre frazioni che ad oggi non sono servite dal servizio porta a porta che nei prossimi mesi arriverà. Minimo comune denominatore di tutto l’impianto di comunicazione è Ancona con i suoi monumenti che ne simboleggiano storia, arte e cultura patrimonio inalienabile di tutti i cittadini tanto quanto l’ambiente e il decoro urbano e il rispetto delle norme che ne regolano il vivere quotidiano».

Roberto Rubegni

«Come è stato già detto – ha sottolineato Roberto Rubegni, amministratore delegato di AnconAmbiente S.p.A. – questa fase di approccio a due frazioni è da intendere in maniera sperimentale in quanto l’azienda si sta di fatto, riorganizzando attraverso le risorse interne e, quindi, il servizio aggiuntivo che andremo a svolgere non avrà alcun impatto economico nel bilancio. Uno sforzo notevole da parte di tutti gli operatori che hanno condiviso questa scelta e che ringrazio. Le aspettative dal punto di vista dei dati sono alte, d’altronde nelle frazioni si raggiungeva una percentuale di appena il 23% di raccolta differenziata, ci sono, quindi, ampi spazi di miglioramento di tutta questa importante porzione di territorio».

Michele Polenta

«Siamo sulla strada giusta per raggiungere a breve la percentuale del 65% di raccolta differenziata nel Comune di Ancona – ha concluso Michele Polenta, assessore all’Ambiente del Comune di Ancona – e ringrazio AnconAmbiente per lo sforzo e il sostegno che sta dando al fine di raggiungere questo obbiettivo con iniziative concertate con l’Amministrazione e l’Ata. Da fine giugno ad oggi sono state tante le azioni in questo senso, dalla sostituzione dei vecchi cassonetti dell’indifferenziata con nuovi contenitori con serratura in alcune zone della città, alla campagna di sensibilizzazione sulla frazione organica “Se potessi avere… +1.5Kg” di scarti organici in più a settimana a famiglia nel contenitore marrone invece che nel grigio che è proprio in questi giorni nella sua seconda fase con i desk informativi. Da domani e per le prossime settimane daremo visibilità anche all’avio del servizio porta a porta nelle frazioni, a questo punto “la palla” passa ai cittadini ai quali chiedo la massima collaborazione per raggiungere un obiettivo che non è del singolo, ma va a beneficio di tutta la comunità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X