facebook rss

«Il sindaco Mancinelli miope
sull’area marina protetta»

ANCONA - Lo sostiene la senatrice pentastellata Donatella Agostinelli. «Trovo assurdo che davanti a un progetto di riqualificazione ambientale, la giunta anconetana si schieri dalla parte di chi non sa né vedere le potenzialità» rimarca la parlamentare marchigiana
Print Friendly, PDF & Email

Donatella Agostinelli

 

 

«Quella dell’Area Marina Protetta del Conero è un’opportunità che tutta la comunità marchigiana ha, di valorizzare un tratto costiero di grande valore naturalistico, utile a incrementare quel turismo etico-sostenibile che produce un’economia in armonia con l’ambiente. Purtroppo però dobbiamo registrare ancora una volta la miopia della Giunta e del sindaco Mancinelli». Lo afferma la senatrice M5S Donatella Agostinelli. «Nella lotta ai cambiamenti climatici e nel contrasto alla perdita di biodiversità tutti noi, cittadini e istituzioni, siamo chiamati a fare la nostra parte soprattutto in questo momento di crisi, che ci ricorda quotidianamente la nostra fragilità e la necessità di ricostruire un sano equilibrio tra uomo e natura. In questo senso – continua Agostinelli – la costituzione dell’Area Marina Protetta del Conero potrebbe essere un progetto di sviluppo del territorio utile nel raggiungere quei traguardi che la Commissione Europea si è data con la nuova Strategia UE sulla Biodiversità per il 2030. Purtroppo, il sindaco di Ancona non perde mai occasione di dimostrarsi poco attenta alle esigenze del territorio,  per nulla trasparente nei confronti degli anconetani. Trovo infatti assurdo – conclude Agostinelli – che davanti a un progetto di riqualificazione ambientale, che ha anche il sostegno finanziario del Ministero dell’Ambiente, la giunta Mancinelli si schieri dalla parte di chi non sa né vedere le potenzialità del nostro territorio né valutare l’importanza di questo progetto. Il tutto senza discuterne con la cittadinanza, né confrontandosi con le associazioni».

Area protetta marina, i Verdi sostengono la proposta di referendum

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X