facebook rss

Natalfidardo, un tappeto
di luci nel centro storico

CASTELFIDARDO - Quest'anno le luminarie andranno a valorizzare le porte storiche della città. L'albero di sette metri, un abete con radici in zolla, sarà acceso l'8 dicembre
Print Friendly, PDF & Email

L’albero di Natale in allestimento davanti al palazzo comunale di Castelfidardo

 

 

Un Natalfidardo sobrio, in linea con i tempi, ‘scarno’ di eventi inibiti dalla prudenza e dai decreti sul distanziamento ma più ricco di luci e sentimenti. L’Amministrazione comunale di Castelfidardo ha infatti dirottato le risorse sulle luminarie che quest’anno andranno a valorizzare le porte storiche della città (Cassero, del Sole o dei Bersaglieri e Vittoria detta Marina) ornando con tappeti di luci a partire da venerdì l’intero centro storico: da via Matteotti a Porta Marina, da corso XVIII Settembre allo slargo Cavour, da via Marconi a piazza Garibaldi. La filodiffusione che già da varie settimane allieta con un piacevole sottofondo musicale il percorso commerciale e turistico, trova poi il contrappunto nell’albero di sette metri, un abete con radici in zolla le cui luci si accenderanno martedì 8 dicembre unitamente alla novità della palla percorribile da cinque metri in piazza della Repubblica ove non si potrà parcheggiare per tutto il periodo natalizio.

«Non potendo organizzare manifestazioni stanziali o mercatini, – spiega una nota del Comune di Castelfidardo – ci siamo concentrati su una copertura di luminarie più estesa e suggestiva per invitare a condividere l’atmosfera delle feste sostenendo le attività e l’economia locale: un’opportunità per riscoprire il nostro centro storico sentendosi parte di una comunità unita», spiegano il sindaco Ascani e l’assessore alla cultura Ruben Cittadini, ringraziando la Pro Loco per il supporto operativo e gli sponsor Adriatica Molle, Si con Te e Poldo Service per il sostegno. Parte integrante del programma sono I Concerti del Consiglio che da domenica scorsa accompagnano ogni ultima domenica del mese grazie all’impegno e al talento della civica scuola di musica P. Soprani. Al tradizionale Concerto di Natale del 26 dicembre per motivi di sicurezza difficilmente si potrà assistere in presenza in Collegiata ma sarà certamente trasmesso in versione diretta streaming con la partecipazione dell’Accademia lirica Unisono, l’Accademia pianistica Unisono, l’orchestra e il coro della scuola dirette dal maestro Emiliano Giaccaglia». Nella zona Pro Loco troverà inoltre spazio nelle tre domeniche precedenti il Natale una postazione Telethon con finalità di raccolta benefiche, mentre l’Auditorium San Francesco ospita la personale di pittura di Aurelio Alabardi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X