facebook rss

Nuova scuola media ‘Mazzini’,
progetto cofinanziato dal Miur

CASTELFIDARDO - «Su un totale di 5,2 milioni di euro di investimento per realizzarla, 3,2 milioni di euro saranno a carico del ministero» annuncia il sindaco Roberto Ascani
Print Friendly, PDF & Email

Il rendering della nuova scuola media Mazzini di Castelfidardo

Dopo un lavoro durato più di un anno «per ottenere il miglior progetto possibile»  è stata finanziata dal ministero anche la realizzazione del secondo lotto della scuola media dell’I.c. ‘Mazzini’ di Castelfidardo E’ stata comunicata oggi dal sindaco Roberto Ascani la buona notizia, che arriva ad un mese e mezzo dalla posa della prima pietra nel cantiere di costruzione del primo lotto delle nuove medie dell’I.c. ‘Soprani’. «Il progetto si è classificatosi secondo nelle Marche e presenta alcune caratteristiche degne di nota: l’edificio è Nzeb, vale a dire che la costruzione è a impatto energetico vicino allo zero, ed è un edificio strategico di classe IV anche a servizio della protezione civile in caso di calamità. – spiega il primo cittadino di Castelfidardo – Su un totale di 5,2 milioni di euro di investimento per realizzarlo, 3,2 milioni di euro saranno finanziati dal Miur». Il nuovo plesso scolastico si compone di 12 aule e 5 sale polifunzionali.«Il baricentro di questo edificio é l’entrata-agorà – sottolinea Ascani – un grande volume a tutta altezza che costituisce collegamento fra i piani, punto di incontro e momento didattico. Nonostante sia arrivata a ridosso del Natale non chiamatelo ‘regalo’. La nuova scuola è frutto della volontà di una intera città, del paziente lavoro che ha saputo attendere il momento giusto e della competenza dei tecnici nella progettazione».  Gli studenti delle Mazzini dovranno attendere più tempo, ma arriveranno a godere di un edificio il cui baricentro della struttura sarà l’ingresso, un grande volume a tutta altezza che costituisce collegamento fra i piani e punto di incontro che si presta ad essere utilizzato come anfiteatro e sala congressi sull’esempio delle scuole del nord Europa dove il momento educativo e formativo non è confinato nelle aule ma è già ben distinto all’atto dell’accoglienza. Il progetto del secondo lotto è già esecutivo e definitivo, cioè cantierabile, traducendo così in pratica l’impegno a rendere l’offerta sempre più innovativa, sicura e funzionale alle esigenze della didattica e del mondo attuale.

 

Posa della prima pietra nel cantiere della nuova scuola media: l’opera sarà pronta nel 2022

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X