facebook rss

Castelfidardo vittoria di misura:
Cardinali regala i tre punti

SERIE D - Il Porto Sant'Elpidio work in progress cede 1-0 sul fango e sotto la pioggia dello stadio fidardense
Print Friendly, PDF & Email

Una fase di gioco di Castelfidardo – Atletico Porto Sant’Elpidio dal fondo di sfida fidardense. Foto Andrea Colò

 

di Paolo Gaudenzi 

FERMO – Il rinnovato Atletico di mister Claudio Tridici, oggi indisponibile, sostituito in panchina da Gianluca Di Giacomi, al debutto 2.0 di stagione e Montegiorgio forzatamente ai box a causa Covid.

Questi gli argomenti della domenica di Serie D appena andata in onda, con i rivieraschi del neo direttore generale Alessandro Cossu (forti in rosa dei recenti arrivi della punta Spagna, del difensore Marcurio, dell’esterno Bordi e del mediano Palladini) ad affrontare i biancoverdi in terra anconetana.

 

CASTELFIDARDO (AN) -Su un campo di gioco allentato per via delle pioggia il derby dai controni regionali è finito in favore dei padroni di casa. Non è partito dunque nel modo auspicato il nuovo corso dell’Atltetico, anche se, naturalmente, va considerato il numero dei giorni, relativo, per permettere il miglior inserimento/assemblaggio dei nuovi arrivati con i meccanismi di squadra.

IL TABELLINO

Le formazioni di partenza

CASTELFIDARDO 1: David, Santangelo, Mataloni, Di Dio, Puca, Rinaldi, Cusimano, Fermani, Njambé, Giampaolo, Braconi. A disposizione: Belli, Fabiani, Mosca, Bracciatelli, Mancini, Rossini, Monachesi, Alla, Cardinali. All. Maurizio Lauro

ATLETICO PORTO SANT’ELPIDIO 0: Cavalieri, Ravanelli, Aliffi, Palladini, Marcurio, Rosettani, Gusteri, Bordi, Zira, Cesetti, Giuli. A disposizione: Faini, Marcattili, Marziali, Cinesi, Quinzi, Vitali, Spagna, Maggetti, Doci. All. Gianluca Di Giacomi

ARBITRO: Matteo Mozzo di Padova, Maurizio Polidori e Gian Marco Cardinali entrambi di Perugia

RETI: 74′ Cardinali

LA CRONACA

Atletico work in progress, con l’undici schierato oggi a rappresentare, come nelle logiche, un vero e proprio cantiere aperto dal punto di vista dell’organizzazione tattica. Pallino del gioco perciò in mano ai locali del Castelfidardo, collettivo più rodato, a spingere nel fango alla volta della porta biancoblù. Il Porto Sant’Elpidio ha però contenuto costantemente con ordine la manovra locale, sino all’episodio delle rete da tre punti, scaturita nella ripresa. Tiro dai circa sedici metri dell’ex montegiorgese Njambé, palla non disinnescata nel migliore dei modi dall’estremo Cavalieri e tap in vincente del neo entrato Cardinali. I cambi intervenuti in corso d’opera, come l’inserimento dell’attaccante Spagna, hanno portato giovamento e brio agli ospiti, vicini al pari con Vitali. Su un calcio di punizione biancoblù la palla rimaneva vagante in area fidardense, con il rivierasco però a perdere il tempo della battuta vincente a rete. Triplice fischio a sancire quindi l’1-0, con gli uomini di mister Lauro ad aver merito l’intera posta in palio ai punti, ma con l’undici del presidente Marini a poter scrutare un orizzonte meno nebuloso. Rimane cioè la consolazione, lontana però dai concreti fini di classifica, di un Atletico potenzialmente in crescita, con nuove pedine reperite dal mercato prossime ad approdare in riviera.

 

Il direttore sportivo rossoblù, Zeno Cesetti

MONTEGIORGIO – Rossoblù di provincia contro il Real Giulianova del presidente fermano Luciano Bartolini: nulla da fare.

All’indomani del match vinto in casa del Tolentino per 3-4, la serie di tamponi a svolgersi da prassi aveva messo purtroppo in evidenza, tra i tesserati del direttore sportivo Zeno Cesetti, quattro contagiati Covid, tre riconducibili al gruppo squadra ed uno allacciato allo staff. Il rinnovato ciclo di controlli effettuato ieri ha poi persino inasprito il numero dei positivi, con ulteriori quattro elementi a rimpolpare l’amara lista, ora a vedere isolate ben otto unità.

Dovuto il rinvio a data da destinarsi dell’impegno domestico contro i giallorossi teramani, sfida che avrebbe visto la direzione di gara affidata a Stefano Moretti di Como, assistito da Gianmarco Macripo’ di Siena e Paolo Cozzuto di Formia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X