facebook rss

Escursione fatale sul Monte Vettore,
Marco Stortoni non ce l’ha fatta

ARQUATA DEL TRONTO - L'uomo è stato ritrovato morto in fondo a un canale in zona "Mezzi litri", a Forca di Presta. Era uscito in escursione ieri mattina insieme all'inseparabile macchinetta fotografica. Viveva a Montefalcone Appennino e gestiva una pasticceria a Comunanza insieme al fratello. Tanti messaggi di cordoglio per una persona garbata e gentile
Print Friendly, PDF & Email

 

di Luca Capponi 

Parenti e amici, tantissimi, hanno incrociato le dita per una giornata e una notte intera, sperando che la montagna da lui tanto amata lo avesse in qualche modo graziato. Invece il finale è amaro, di quelli che nessuno voleva immaginare. Marco Stortoni, 60 anni, non ce l’ha fatta. Disperso da ieri sul Monte Vettore, è stato ritrovato morto attorno alle 12,30 di oggi, mercoledì 24 febbraio, in fondo ad uno dei canali della zona “Mezzi litri”, a Forca di Presta di Arquata.

WhatsApp-Image-2021-02-23-at-21.42.07-e1614167025304

Marco con l’inseparabile macchina fotografica

Era arrivato lì al sorgere del sole per un’escursione, con tanto di macchinetta al seguito. Stortoni, che viveva a Montefalcone Appennino, lungo la Valdaso, era infatti un appassionato di montagna e fotografia, noto per i suggestivi scatti che realizzava in quota.

Il grande dispendio di uomini e mezzi, tra cui quelli del Soccorso Alpino (oltre 40 uomini e due unità cinofile da Marche, Abruzzo e Umbria) e dei Vigili del fuoco (con l’elicottero Drago), a cui va tributato un plauso enorme, non è purtroppo servito.

Troppe infatti le ore trascorse all’aperto, con le temperature proibitive di questo periodo, in una zona che definire impervia è dire poco.

A metà mattinata un drone del Soccorso Alpino ha individuato il corpo di Marco: dopodiché, un dottore del 118 si è calato con i tecnici lungo una parete e, una volta giunto sul luogo della caduta, non ha potuto fare altro che constatare la morte dell’uomo, che è stato poi verricellato e portato via con l’eliambulanza Icaro verso l’obitorio dell’ospedale “Mazzoni” Ascoli.

WhatsApp-Image-2021-02-24-at-12.40.36

I soccorsi in azione

A piangerlo è tutta la comunità dei Sibillini. Marco Stortoni, infatti, gestiva insieme al fratello Fausto una pasticceria a Comunanza, dove era amato e apprezzato. Nella disperazione anche la sorella Roberta e la madre Elena.

Messaggi di cordoglio, soprattutto sul web, stanno arrivando da ogni dove: Marco era una persona cordiale, gentile, discreta e garbata, si faceva subito benvolere. Da dietro il bancone della pasticceria dispensava leccornie accompagnando il gesto sempre con un sorriso.

Un sorriso che, inevitabilmente, da oggi mancherà a tutti.

WhatsApp-Image-2021-02-24-at-12.40.35 WhatsApp-Image-2021-02-24-at-12.40.36-1

&amp

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X