facebook rss

Comitato ‘Priorità alla Scuola’,
nuovo presidio sotto la Regione

ANCONA - Scatterà alle 15.30 di martedì prossimo per chiedere al governatore Francesco Acquaroli di non attuare le chiusure generalizzate delle scuole ma di investire piuttosto negli screening della popolazione scolastica e nella vaccinazione del personale
Print Friendly, PDF & Email

Priorità alla Scuola: protesta di gennaio davanti a palazzo Raffaello

 

 

Martedì 2 marzo, dalle ore 15.30, gli studenti di ‘Priorità alla Scuola Marche’ svolgeranno, insieme a genitori e docenti, un sit-in statico, di fronte alla scalinata antistante Palazzo Raffaello della Regione Marche, nel rispetto delle norme anti-Covid. Una nuova protesta, la quarta dall’inizio dell’anno, da parte dei rappresentanti del PaS. Dopo l’ultima ordinanza del governatore delle Marche, Francesco Acquaroli che, da ieri al prossimo 5 marzo, ha disposto le lezioni in Dad al 100% delle scuole superiori e delle secondo e terze classi delle scuole medie delle città delle province di Ancona e Macerata, con la mobilitazione di martedì prossimo i manifestanti chiedono «di impedire le chiusure generalizzate delle scuole; di investire negli screening della popolazione scolastica; di attivare la vaccinazione del personale scolastico. La scuola deve essere l’ultima attività a chiudere e la prima a ripartire. Bambine e bambini, ragazzi e ragazze, insieme alle loro famiglie, hanno già sofferto abbastanza la privazione del Diritto all’Istruzione, al benessere psicofisico, ad una normale socialità. Portano i segni delle (non) scelte di chi governa. Ribadiamo – chiude la nota di PaS – che la scuola si cura, non si chiude, la scuola è a scuola, la Dad non è scuola, senza scuola non ci sono diritti». Aggiornata anche la petizione che si può firmare al seguente link.

Corsa al vaccino tra insegnanti Dopo due ore si va già ad aprile «Caos prenotazioni per le università»

Acquaroli ha firmato l’ordinanza: scuole chiuse fino al 5 marzo Ancona ancora in zona arancione

«No alla chiusura delle scuole, sì ai vaccini per i docenti e agli screening per gli studenti»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X