facebook rss

Caos A14, lo sfogo di Acquaroli:
«Dopo 3 anni situazione inaccettabile»

INFRASTRUTTURE - I problemi del tratto sud dell'autostrada continuano a far discutere. L'intervento del presidente della Regione, che ha richiesto un incontro a Società Autostrade: «Bisogna velocizzare i lavori e trovare il sistema per limitare i disagi che ci condizionano ormai da troppo tempo. Soluzioni entro l'estate»
Print Friendly, PDF & Email

Caos A14, Acquaroli sollecita Società Autostrade. Secondo il presidente della Regione non sono più tollerabili i gravi disagi che subisce chi si trova a transitare nel tratto Fermano-Piceno dell’autostrada, tra code, ritardi e percorribilità ridotta.

Il governatore Acquaroli

«Ho richiesto un ulteriore incontro con oggetto i lavori che si stanno svolgendo nel tratto da Porto Sant’Elpidio a San Benedetto del Tronto -spiega il governatore-. Comprendo che per ripristinare le condizioni di sicurezza i lavori debbano essere effettuati, ma è inaccettabile che da oltre tre anni la viabilità della nostra A14 subisca pesanti condizionamenti con ripercussioni e ricadute negative sul territorio, su cittadini e turisti, lavoratori e imprese. I disagi interessano anche le aree limitrofe dei comuni lungo la fascia costiera, dove si riversano i veicoli in cerca di vie alternative, con evidenti situazioni di congestione».

«Bisogna velocizzare i lavori e trovare il sistema per limitare i disagi che ci condizionano ormai da troppo tempo -conclude Acquaroli-. Confido nella leale collaborazione istituzionale e nella comprensione del livello di criticità che nel periodo estivo rischia di diventare ancora più pesante. Questo deve essere assolutamente evitato».

 

Incubo A14, Confindustria dice basta: «Dal Piceno al Fermano si perdono 40 minuti»

Caos A14: camionisti in rivolta, Roberto Galanti (Pmia): «Pronti a manifestare»

Caos A14, l’appello dei Popolari Udc: «Disagi non più tollerabili, subito un tavolo di confronto»

Caos A 14, l’esasperazione degli agenti di commercio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X