facebook rss

Sasso nelle Marche,
interrogazione al ministro:
«Simboli Lega nella locandina»

I DEPUTATI DEM Morani e Morgoni attaccano: «Inaccettabile promuovere tali iniziative con simboli di partito»
Print Friendly, PDF & Email

 

morani-morgoni

Alessia Morani e Mario Morgoni

 

I deputati dem Mario Morgoni e Alessia Morani interrogano il ministro dell’Istruzione in merito alla visita nelle Marche del sottosegretario Rossano Sasso per un confronto in Regione e con i sindaci delle aree terremotate sul tema scuola. «Le dichiarazioni stampa e il simbolo chiaramente riportato nella locandina politicizzano l’iniziativa identificandola con il partito della Lega – si legge nel documento – All’iniziativa, come riportato dalla stampa e dalla locandina, avrebbero partecipato il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, l’assessore Giorgia Latini, il commissario regionale della Lega Riccardo Augusto Marchetti, il vice presidente del gruppo consiliare Mirko Bilò e il direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale Marco Ugo Filisetti. Pur condividendo i temi messi in campo come la qualità dei progetti pilota, che la Regione Marche ha portato avanti e che, ad esempio nel caso degli impianti di aerazione delle scuole, per qualità ed innovazione sono stati recepiti dal Ministero e le iniziative sul sostegno dei servizi scolastici, sulla ricostruzione e la rinascita delle comunità terremotate è inaccettabile promuovere tali iniziative con simboli di partito – precisano in conclusione – Inoltre, il direttore generale dell’Ufficio scolastico delle Marche, nell’ultimo anno, è stato più volte al centro di polemiche per la divulgazione nelle scuole di messaggi diseducativi e la diffusione di una visione politicizzata e distorta di importanti fatti storici del nostro Paese». Morgoni e Morani intendono capire «quali iniziative di propria competenza il ministro interrogato intenda adottare in seguito ai fatti suesposti».

 

«Previste 40 classi in deroga nel cratere, per l’innovazione tecnologica le Marche sono prime in Italia»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X