facebook rss

Legge di Bilancio, 5 miliardi
per il Corridoio Baltico Adriatico

ANCONA - Sono i senatori M5S Giorgio Fede e Mauro Coltorti ad annunciare il finanziamento del progetto esteso anche al Corridoio Scandinavo Mediterraneo, che è stato inserito nella manovra finanziaria e che coinvolge anche le Marche
Print Friendly, PDF & Email

Foto d’archivio

 

Cinque miliardi per il Corridoio Baltico Adriatico (da Bologna a Bari) e per quello Scandinavo Mediterraneo stanziati con la prossima manovra finanziaria della Legge di Bilancio. A comunicarlo è il senatore Giorgio Fede, membro della Commissione Lavori pubblici e Trasporti, e portavoce marchigiano del Movimento 5 Stelle. «Il finanziamento arriva dopo che lo scorso agosto la Commissione Lavori pubblici e Trasporti del Senato ha approvato una mia osservazione, nell’ambito del parere sulla Relazione Programmatica 2021, nella quale chiedevo a gran voce il completamento dei corridoi. -. ricorda Fede- Mi sono fortemente impegnato affinché il Governo attuasse la mia osservazione che ora mi pregio di presentare come relatore in Commissione. In questo modo l’intermodalità coinvolgerà anche Marche, Abruzzo e Puglia, finora fortemente penalizzate nei collegamenti. Era una priorità mia e del Movimento 5 Stelle dare risposte concrete a quei territori che attualmente sono esclusi in maniera totale o parziale dalle reti trans-europee di trasporto».

Il senatore Mauro Coltorti, presidente della Commissione Lavori pubblici del Senato, sottolinea in aggiunta come «la costanza e la coerenza, nelle richieste relative alle infrastrutture del nostro territorio e, in particolare delle regioni adriatiche è fondamentale in quanto è indiscutibile come attualmente queste siano ‘dimenticate’ dai corridoi europei benché siano regioni importanti per il nostro Paese, sia per lo sviluppo delle aree limitrofe che per il decongestionamento della dorsale tirrenica».

Acquaroli: «L’A14 è impraticabile Urge la terza corsia, incontro il Ministro»

“Corridoio Adriatico, mettere a sistema le opportunità con protocolli d’intesa tra regioni”

Il progetto ‘Ultimo Miglio’ escluso dal Piano Nazionale di Ripresa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X