facebook rss

Sicurezza e prevenzione:
in 4 mesi espulsi 65 stranieri

ANCONA - Report delle attività predisposte dalla questura per allontanare dal territorio nazionale soggetti considerati pericolosi per l'incolumità pubblica. Allontanati anche 17 irregolari
Print Friendly, PDF & Email

Il questore Capocasa

 

Nei primi quattro mesi del 2022 l’Ufficio Immigrazione della questura di Ancona ha curato l’esecuzione di 65 procedure di espulsione o allontanamento dal territorio nazionale. Colpiti dai provvedimenti sono stati, in particolare, soggetti gravati da precedenti per reati in materia di spaccio di sostanze stupefacenti, reati contro la persona e reati contro il patrimonio.
L’Ufficio Immigrazione ha predisposto l’accompagnamento ai C.P.R. nazionali (Centri permanenza per il rimpatrio) di 17 stranieri irregolari sul territorio nazionale, nonché l’accompagnamento in frontiera di altri 6 stranieri in esecuzione di provvedimenti espulsione.
Nello stesso periodo sono stati notificati 12 ordini di allontanamento dal territorio nazionale nei confronti di cittadini comunitari.
Inoltre, sono stati firmati 20 ordini del questore Cesare Capocasa a lasciare il territorio nazionale, nonché 6 stranieri, sempre rintracciati irregolari sul territorio nazionale, sono stati assoggettati alle misure del trattenimento del passaporto e dell’obbligo di firma in questura in attesa di essere rimpatriati con appositi voli.
Sono stati, poi, accompagnati in frontiera 4 stranieri in esecuzione di provvedimenti dell’Unità Dublino del Ministero dell’Interno.
Di pari passo, si è svolta l’attività volta all’accoglienza degli stranieri regolari.
Infatti, sempre da inizio 2022, l’Ufficio Immigrazione della questura ha proceduto ad acquisire 5.757 istanze di permesso di soggiorno, nonché a formalizzare le richieste di asilo di 287 migranti, cittadini di vari Paesi del mondo, giunti in Italia per richiedere protezione. Sono stati, poi, autorizzati 4.026 permessi di soggiorno nei confronti di stranieri aventi diritto, in particolare per motivi di lavoro e di famiglia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X