facebook rss

Studenti delle Medie
a lezione di legalità

FABRIANO -Il commissario Moira Pallucchi si è confrontata con gli alunni della 'Giovanni Paolo II' sui temi di attualità del bullismo e del cyberbullismo spiegando ai ragazzi come reagire davanti ai soprusi e soprattutto l'importanza di chiedere aiuto ai genitori, agli insegnanti e alle forze dell'ordine
Print Friendly, PDF & Email

Il commissario Moira Pallucchi in classe von gli stduenti delle medie ‘Giovanni Paolo II’ di fabriano

 

Questa settimana nell’ambito del progetto di educazione alla legalità personale del Commissariato di Fabriano ha incontrato gli alunni delle classi seconde della scuola media ‘Giovanni Paolo II’. Nel rispetto della normativa anti covid la dirigente scolastica Stefania Venturi e la referente del plesso Barbara Spigarelli hanno predisposto l’incontro con i ragazzi delle 5 classi in presenza e mediante collegamento audiovisivo. All’incontro con i ragazzi Il commissario Moira Pallucchi ha affrontato i temi della solidarietà e della legalità passando attraverso gli articoli della Costituzione che gli studenti hanno cominciato a conoscere a scuola con l’introduzione all’educazione civica. Il commissario spiegato ai ragazzi come accanto a quelli che sono i diritti inviolabili garantiti dalla Costituzione devono necessariamente coesistere i ‘doveri inderogabili’: sono queste le parole chiave per una partecipazione attiva e alla vita sociale.

Educazione alla legalità significa infatti sviluppare una coscienza collettiva che inizia proprio dall’educazione che i giovani studenti ricevono sui banchi di scuola. In particolare sono stati affrontati i temi di grande attualità tra i giovani come quello del bullismo e del cyberbullismo spiegando come ciascuno di noi abbia il dovere di esprimere la propria solidarietà e di aiutare coloro che, essendo magari più deboli, vengono presi di mira dai ‘bulli’. I poliziotti hanno cercato di sensibilizzare gli studenti a non essere omertosi ma a trovare il coraggio di reagire davanti ai soprusi soprattutto chiedendo aiuto ai genitori, agli insegnanti e alle forze dell’ordine. L’incontro durante il quale sono state proiettate delle slide per spiegare ai giovanissimi con parole semplici ed esempi concreti concetti anche difficili, ha suscitato grande interesse e partecipazione tra gli studenti che hanno inondato i poliziotti del commissariato di Fabriano con un fiume di domande.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X