facebook rss

Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta:
«Momento del dolore, ma non del silenzio»

ANCONA - La Fiab chiede alle amministrazioni locali di mettere in atto azioni per migliorare la sicurezza stradale e annuncia una grande manifestazione di solidarietà alle vittime e di protesta
Print Friendly, PDF & Email

L’incidente mortale a Marina di Montemarciano

La Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta (Fiab) «si stringe intorno alle famiglie delle due persone uccise da una automobilista sul lungomare di Montemarciano».
«Questo è il momento del dolore – spiegano le Fiab di Montemarciano, Senigallia e Ancona Conero – ma non può essere il momento del silenzio. Da troppo tempo – aggiungono – le associazioni Fiab del territorio denunciano la mancanza di sicurezza su molte delle strade della nostra zona. La pericolosità delle infrastrutture viarie insieme alla disattenzione ed alla mancanza di rispetto delle regole e degli altri, mietono vittime soprattutto tra gli utenti deboli della strada. Ancora una volta a perdere la vita sono stati pedoni e ciclisti incolpevoli».
E’ per questi motivi che la Fiab «chiede alle amministrazioni locali di mettere in atto azioni per migliorare la sicurezza stradale. Non più rimandabile è l’introduzione immediata del limite di velocità a 30 km/h e la creazione di piste ciclabili. Successivamente si auspica di avere un lungomare senza auto».
Viene poi ricordato come «solo nel 2021 gli incidenti stradali sono stati 64.162 e le vittime 1.313. I morti sono aumentati del 15,5% rispetto al 2020. Ogni 2 giorni un ciclista viene ucciso. Il più piccolo del 2021 non aveva nemmeno 14 anni. Dobbiamo smettere di parlare di “fatalità”. Sappiamo che le strade sono pericolose. Abbiamo gli strumenti per renderle sicure. Con i fondi del Pnrr abbiamo anche la possibilità economica di farlo. Chi non agisce ora – sottolinea -, è complice dalla prossima uccisione».
Per questo «le associazioni Fiab stanno organizzando una grande manifestazione di solidarietà alle vittime e di protesta – conclude – contro l’immobilismo della politica che si svolgerà nei prossimi giorni».

Alberto e Stefania, investiti e uccisi mentre rientravano verso casa

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X