facebook rss

Ballottaggio Jesi, chiuse le urne:
ha votato il 44,30% degli elettori

AL VOTO - Due settimane fa la percentuale alla stessa ora si attestava al 52,95% (-8 punti percentuale). Inizia la notte dello scrutinio elettorale
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Aggiornamento delle ore 23.30 – Quindici giorni fa avevano votato 17.236 jesini pari al 52,95% dei 32.550 aventi diritto. Oggi, l’ultimo dato percentuale delle 23, ora di chiusura dei seggi, si è fermato al 44,30% . Il risultato finale del ballottaggio potrebbe essere stato condizionato proprio dall’astensionismo. Anche sull’affluenza ai seggi si giocava, infatti, l’ultima sfida tra Lorenzo Fiordelmondo e Matteo Marasca e il partito del ‘non voto’ rischia di essere il vero vincitore di queste elezioni comunali per Jesi. Un raffronto sul dati dell’affluenza al secondo turno di voto può essere fatto con il dato storico più recente, quello del 2012 quando il sindaco Massimo Bacci, al suo primo mandato (per secondo nel 2017 vinse al primo turno), conquistò la seconda parte della partita elettorale  con una percentuale di votanti del 50,62%. Al tempo però i seggi erano rimasti aperti per due giornate consecutive. Ora inizia la notte dello scrutinio elettorale.

***

Lorenzo Fiordelmonte oggi al seggio 2

Aggiornamento delle ore 19.30 – Nelle seconda rilevazione, quella delle ore 19, i votanti jesini hanno fatto un bel balzo indietro rispetto a due settimane fa: oggi si è espresso il 29,52% degli aventi diritto (9.608 votanti), contro il 36,10% (11.751 votanti) alla stessa ora del 12 giugno. Ben 7 punti percentuale in meno. Potrebbe però trattarsi di una fisiologica flessione, agevolata anche dalla giornata particolarmente calda che ha agevolato le gite fuori porta e che potrebbe essere colmata in queste ultime ore di voto. I seggi resteranno aperti fino alle 23 di questa sera.

Matteo Marasca oggi al seggio 26

Hanno già espresso il loro diritto/dovere di voto invece i due candidati sindaco: Lorenzo Fiordelmondo ha votato, intorno alle 11.30 al seggio 2 (Palazzo Mestica), quasi in contemporanea, alle 11.38 Matteo Marasca ha deposto la scheda nell’urna alla sezione 26 (Scuola Federico II).

***

 

 

Chi sarà il nuovo sindaco di Jesi? La risposta arriverà nelle prime ore di domani dopo lo spoglio delle schede del turno di ballottaggio che inizierà stasera alle ore 23, subito dopo la chiusura dei seggi. Si vota da questa mattina alle 7 per tutta la giornata nelle 40 sezioni della città per scegliere tra i due candidati rimasti in corsa: Lorenzo Fiordelmondo (Pd, Jesi in Comune, Jesi Respira, Repubblicani Europei, Con Senso Civico) con un bagaglio di 7.603 voti al primo turno, pari il 45, 61%, e Matteo Marasca (Jesiamo, Patto per Jesi, Orizzonte Jesi, Riformisti per Jesi) con i suoi 6.073 voti, pari il 36,43% dei consensi.

da sin. Lorenzo Fiordelmondo e Matteo Marasca

Al ballottaggio però si azzerano le posizioni e si riparte. Decisivo per entrambi gli sfidanti, che hanno rifiutato apparentamenti ufficiali, sarà essere riusciti a pescare anche nei bacini elettorali degli sconfitti al primo turno, nel corso delle ultime due settimane di campagna elettorale, e aver convinto i propri elettori a ritornare alle urne. Il 12 giugno entrati in cabina  17.104 jesini, il 52,55% degli aventi diritto. Sul risultato di oggi potrebbe pesare soprattutto l’incognita dell’affluenza alla urne che già nella prima rilevazione di mezzogiorno si è fermata al 15,70% (5.111 votanti) in lieve flessione rispetto a due settimane fa quando alla stessa ora si era già espresso il 17,02% dell’elettorato attivo (5540 votanti). C’è anche da evidenziare che in questa giornata sono 32.550, 93 in più grazie ai neo 18enni, gli elettori a Jesi rispetto al turno precedente che vedeva il numero attestarsi su 32.457 chiamati al voto. Al link come si vota per il ballottaggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X