facebook rss

Inseguito e ferito in strada:
i residenti chiamano il 112,
portato a Torrette un 22enne

ANCONA - L'episodio intorno alle 14.30 quando è stato visto un gruppetto, formato da una decina di persone, inseguire un connazionale urlando. Il giovane, rimasto ferito all'avambraccio, è stato trasportato al pronto soccorso
Print Friendly, PDF & Email

Polizia, carabinieri, 118 e Croce Rossa sul posto

Sono stati diversi i residenti di via Saracini, al Piano, che mentre stavano pranzando hanno sentito delle urla belluine provenire dalla strada e, chiamando il Nue 112, hanno evitato il peggio.
Peggio, che è scampato ovviamente anche grazie al tempestivo intervento delle Volanti e del Radiomobile.
Tutto è successo intorno alle 14.30 quando polizia e carabinieri sono arrivati seguiti dall’automedica del 118 e un’ambulanza della Croce Rossa per soccorrere un 22enne bengalese che era stato aggredito da un connazionale il quale pare fosse armato di un piccolo martello e una bottiglia.

Polizia, carabinieri, 118 e Croce Rossa sul posto

Il giovane, che ha riportato una ferita all’avambraccio, si era poi rifugiato nella sua abitazione in piazza Medaglie d’Oro perché inseguito, stando ai racconti dei residenti affacciatisi alle finestre, da un gruppetto formato da una decina di persone alcune delle quali sembravano anche ubriache.
Le forze dell’ordine sono arrivate con due pattuglie della questura, tre dei carabinieri e, successivamente, due dei baschi verdi della Guardia di Finanza.
L’intervento è stato talmente rapido che quasi tutto il gruppetto di stranieri non ha fatto in tempo a scappare.
Si è proceduto quindi ad ascoltare le varie testimonianze di coloro che sono stati bloccati, per cercare di rendere chiaro il quadro dell’accaduto. La dinamica dell’evento è infatti in corso di accertamento.

Polizia, carabinieri, 118 e Croce Rossa sul posto

Il ragazzo del Bangladesh rimasto coinvolto, una volta medicato sul posto dal personale Cri e di Ancona Soccorso, è stato trasportato al pronto soccorso con un codice verde.
Indubbiamente sarà da capire il contesto a seguito del quale è avvenuta quella che sembrerebbe essere stata una sorta di ‘spedizione punitiva’.
A dirla tutta, non si tratterebbe nemmeno della prima che sta accadendo in città proprio tra cittadini del Bangladesh. L’ultima si era verificata solo nella sera di venerdì al porto, nei pressi dell’arco Clementino, quando un 45enne del Bangladesh era stato preso a calci e a pugni dovendo poi ricorrere alle cure del personale medico di Torrette.
Precedentemente, un altro bengalese era stato picchiato lungo corso Carlo Alberto da due connazionali che avevano cercato pure di strappargli dal collo la macchina fotografica.

al. big.

Polizia, carabinieri, 118 e Croce Rossa sul posto

Polizia, carabinieri, 118 e Croce Rossa sul posto

Polizia, carabinieri, 118 e Croce Rossa sul posto

Polizia, carabinieri, 118 e Croce Rossa sul posto

Polizia, carabinieri, 118 e Croce Rossa sul posto

 

 

Calci e pugni al porto: 45enne trasportato a Torrette

«Ci scatti una foto?» e poi lo picchiano Aggressione e tentata rapina al Piano: individuati e denunciati due giovani

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X