facebook rss

Nota un’auto sospetta e la segue:
speronato carabiniere fuori servizio,
evitata una scia di furti

OSIMO - Il militare dell'Arma stava rincasando quando ha deciso di seguire la vettura con a bordo alcune persone sospette e chiamare i colleghi in servizio. I banditi se ne sono però accorti e l'hanno mandato fuori strada. Successivamente sono stati però costretti a lasciare l'auto in strada e fuggire a piedi perché braccati dal Radiomobile
Print Friendly, PDF & Email

I carabinieri del Norm durante un pattugliamento (Archivio)

Inseguimento di un’auto da parte di un carabiniere, fuori servizio, rimasto ferito dopo essere stato speronato, riportando una prognosi di 10 giorni, oltre alla propria vettura privata andata completamente distrutta.
E’ quanto accaduto nella notte di ieri, intorno alle 22, lungo la Statale a Osimo.
Il militare dell’Arma, appartenente al Norm della Compagnia di Osimo, si trovava alla guida della propria macchina e nonostante non fosse in servizio, non ha potuto fare a meno di notare un’auto scura, con a bordo alcune persone, che subito ha ritenuto essere sospetta.
Il suo fiuto non ha sbagliato.
Senza indugiare, ha iniziato a pedinarla allertando ovviamente i colleghi della centrale che in quel momento erano di turno.
L’uomo alla guida della vettura sospetta però, con a bordo più persone, quando ha capito di essere pedinato, ecco che con una manovra improvvisa e repentina è andato addosso e ha speronato quella del carabiniere mandandola fuori strada e facendola capottare lungo via Grandi, alle spalle dell’Ikea.
Il militare fuori servizio è stato successivamente soccorso ma grazie alle sue indicazioni, precedentemente fornite, ha permesso ai colleghi di giungere tempestivamente sul posto e far proseguire le ricerche.
Diversi gli automobilisti che hanno poi notato arrivare a sirene spiegate alcune Gazzelle del Norm, fermatesi successivamente tra Pittarello e la Conbipel dopo aver preso la rotatoria per l’Ikea.
Il carabiniere rimasto ferito, era infatti riuscito a far intervenire i colleghi per tempo e, in questo modo, ha evitato che potessero essere messi a segno dei furti nella zona. Sull’auto, infatti, probabilmente vi era una banda di malviventi pronta ad agire.
L’arrivo dei militari di Ancona e di Osimo li ha però costretti ad arrendersi a qualsiasi idea di mettere a segno qualche colpo e, quindi, ad abbandonare la vettura in strada per poi fuggire a piedi.
Le indagini sono in corso da parte dei militari dell’Arma di Osimo che, seppur non sono riusciti a prendere i banditi, hanno senza dubbio evitato una scia di colpi che sarebbe stata senza dubbio effettuata nella notte appena trascorsa. Il fatto che ciò sia stato evitato è stato reso possibile grazie a un carabiniere che, invece di tornare a casa, ha voluto continuare ad essere a servizio del cittadino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X