facebook rss

Canile comunale,
assegnato il servizio di gestione

FABRIANO - Il sindaco Daniela Ghergo sottolinea però che «le tariffe sono troppo basse. L’auspicio è che la Regione le aumenti per garantire al gestore di poter sostenere economicamente e senza problemi il benessere di ogni animale ospitato»
Print Friendly, PDF & Email

(foto d’archivio)

 

Assegnato il servizio di gestione del canile comunale di Putido di Fabriano, che è andato a Emanuele Agostinelli in qualità di aggiudicatario a seguito di una indagine di mercato. L’iter amministrativo – fa sapere una nota del Comune di Fabriano – era iniziato nel luglio scorso e nel mese di agosto era stata avviata una indagine di mercato propedeutica a procedere all’affidamento al gestore. I tempi amministrativi e quelli necessari a reperire la documentazione richiesta da parte del soggetto affidatario hanno consentito la conclusione del procedimento ieri, 14 novembre.

«Con l’affidamento della gestione del canile comunale al soggetto aggiudicatario si conclude una vicenda che da subito abbiamo messo tra le priorità – spiega il sindaco Daniela Ghergo. – Abbiamo ereditato una situazione incomprensibile che si protraeva da più di un anno e che vedeva il canile privo degli atti amministrativi necessari alla sua gestione, senza i quali il Comune non poteva agire. Sarebbe interessante capire per quale ragione la precedente amministrazione ha di fatto abbandonato la gestione dei cani di cui è proprietario, determinando una situazione di potenziale grave pregiudizio per gli animali che sono accolti nella struttura».

Ora, aggiunge la prima cittadina «rimane il problema delle tariffe per ogni cane accudito, tariffe che vengono imposte dalla Regione con la Dgr 951/2019. Nonostante il Comune abbia applicato le tariffe più alte, esse prevedono il pagamento al gestore di 2,24 euro al giorno per ogni cane ospitato. Come ogni proprietario di cani ben conosce, sono tariffe assolutamente insufficienti a coprire i costi degli alimenti e delle eventuali cure veterinarie. L’auspicio è pertanto, come farò presente all’assessore regionale competente, che esse vengano al più presto aumentate per garantire al gestore di poter sostenere economicamente e senza problemi il benessere di ogni animale ospitato. Per questa Amministrazione, il rispetto e la cura degli animali saranno sempre una priorità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X