facebook rss

Furto, ricettazione e droga: 4 denunciati
In casa un taser, maschere e coltelli

ANCONA - I carabinieri del Radiomobile hanno avviato immediatamente le indagini a seguito di un furto su un'auto in sosta
Print Friendly, PDF & Email

Il sequestro effettuato dai carabinieri del Radiomobile di Ancona

Maschere, coltelli, uno storditore elettrico (taser), oltre 3mila euro in contanti ed altro, è quanto hanno sequestrato i carabinieri del Radiomobile della Compagnia di Ancona a seguito di indagini subito scattate dopo un furto avvenuto in un’auto in sosta.
Tutto ha avuto inizio lo scorso giovedì quando un fidardense, che aveva parcheggiato la propria vettura lungo via Saracini, al Piano, ha chiesto l’intervento dei militari dell’Arma dopo essersi accorto al suo ritorno che qualcuno gli aveva sfondato il finestrino dell’auto rubandogli il borsello lasciato sul sedile del passeggero.
Il vetro, a seguito delle immediate ricostruzioni dei carabinieri, era stato frantumato utilizzando un tombino.
Sono bastati pochi minuti di assenza per far dunque sì che i malviventi entrassero in azione. Immediatamente i carabinieri giunti sul posto hanno ascoltato il racconto della vittima, visualizzando le prime immagini dai sistemi di videosorveglianza.
Trascorsi pochi minuti ecco che il derubato, tramite il sistema di messaggistica della banca collegato con il proprio smartphone, è stato avvisato del fatto che erano state effettuate 4 transazioni in 4 differenti negozi del Piano, tutti di importi compresi tra 10 e 20 euro. Bloccata la carta, sono continuate incessanti le ricerche dei carabinieri che hanno dato esito positivo, anche grazie alle descrizioni fornite dai cassieri dei locali e dalle loro immagini di sorveglianza.
I due ladri, entrambi tunisini di 22 e 27 anni, sono stati rintracciati e, ormai alle strette, hanno riconsegnato il borsello.
Il giorno successivo, i militari del Radiomobile hanno deciso di effettuare anche una perquisizione nella loro abitazione a seguito della quale hanno trovato e sequestrato 3.400 euro in contanti, di cui i due non hanno saputo dare motivazione e per questo ritenuto provento di furto o spaccio; poco meno di 2 grammi di hashish, un MacBook e un Apple iPod provento di furto. Nell’abitazione sono stati identificati e denunciati anche altri due giovani 20enni, sempre tunisini, perché trovati in possesso di un paio di coltelli e lo storditore, classificato come arma.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X