facebook rss

Inseguiti e arrestati
dopo 4 furti su auto in sosta

ANCONA - I tre ladri, tutti giovanissimi, avevano messo a segno i colpi in centro. Due sono stati subito presi, il terzo è finito in manette grazie a uno stratagemma
Print Friendly, PDF & Email

Controlli della polizia in centro (Archivio)

Sono stati notati nella notte dai residenti mentre, lungo via Fazioli in centro, armeggiavano vicino ad alcune auto in sosta cercando di aprirle.
Immediatamente sono intervenute le Volanti e i poliziotti hanno subito avviato le ricerche per rintracciare i tre individue descritti e notati dalle finestre dei palazzi.
La pattuglia, immettendosi in via Maratta, li ha notati mentre cercavano di nascondersi dietro a una vettura parcheggiata alla quale era stato appena aperto lo sportello.
I poliziotti sono quindi scesi dall’auto ma, una volta avvicinato il gruppetto, i ragazzi si sono dati alla fuga correndo: due in direzione Passetto e uno in direzione di piazza Don Minzoni.
Uno degli agenti ha iniziato a inseguire i ragazzi in direzione Passetto, riuscendo a fermarne uno che nel frattempo si era sbarazzato, lanciandole a terra, di una pinza e una chiave per raccordi a compressione. A seguito di una breve colluttazione, nella quale il poliziotto è riuscito a evitare un pugno in faccia, il ragazzo è stato bloccato.
Nel frattempo, altri due poliziotti si erano messi all’inseguimento dell’altro fuggitivo in direzione Passetto. Uno degli agenti è riuscito a tagliargli la strada con l’auto, mentre l’altro lo ha chiuso da dietro, riuscendo a bloccarlo. Il ragazzo, una volta raggiunto, ha tentato di divincolarsi ma senza successo.
Identificati, sono risultati essere un italiano di 18 anni con precedenti per truffa, porto abusivo di armi, violazione della normativa in materia di sostanze stupefacenti, lesioni, minaccia e oltraggio; e un ungherese di 19 anni con precedenti per resistenza, danneggiamento, ricettazione e porto abusivo di armi.
Gli uomini delle Volanti si sono quindi messi alla ricerca del terzo fuggiasco.
I due ragazzi fermati, ammettendo le proprie responsabilità, hanno successivamente fornito aiuto ai poliziotti.
I due hanno infatti chiamato l’amico al telefono, dandogli appuntamento in piazza Roma.
Arrivata la polizia, gli agenti non hanno però trovato nessuno. Spostandosi in corso Stamira, lo hanno però rintracciato in via Villafranca, fermo ad attendere i complici.
Raggiunto e fermato, era un brasiliano di 18 anni anche lui con precedenti per furto aggravato e incendio. Perquisito, aveva con sé un cacciavite.
Accompagnati in questura per accertamenti, è emerso che i tre avevano forzato quattro auto.
Tutti e tre perquisiti, in tutto sono stati trovati: due cacciaviti, una pinza in acciaio, un carica batterie, una chiave per raccordi in acciaio, due paia di guanti, due power bank, un cavo usb, un telefono cellulare e un paio di occhiali da sole.
Terminati gli accertamenti, i ragazzi sono stati arrestati per i reati di furto aggravato e resistenza a pubblico ufficiale oltre a essere denunciati per porto abusivo di oggetti atti ad offendere.
Gli arresti sono stati convalidati questa mattina per direttissima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X