facebook rss

“Se mi lasci ti uccido”,
incontro online
con la scrittrice Norma Stramucci

ANCONA - E’ in programma per giovedì pomeriggio il nuovo appuntamento della rassegna ‘Cambiano discorso’ organizzata da Reti Culturali odv. Si parlerà della piaga del femminicidio e con l’autrice ci sarà Paola Nicolini, docente di Psicologia dello sviluppo e dell’educazione di Unimc
Print Friendly, PDF & Email

 

Riflettere sul tema tragicamente attuale del femminicidio attraverso tre racconti di narrativa pubblicati in un libro. Il prossimo appuntamento della rassegna ‘Cambiamo discorso’, ideata e organizzata dall’odv Reti Culturali e dal Forum delle donne del Comune di Ancona con il sostegno di Csv Marche Ets, vede la partecipazione della scrittrice Norma Stramucci che giovedì 1 dicembre, in un incontro online, parlerà del suo volume “Se mi lasci ti uccido – variazioni sul tema”, composto dalle storie di donne molto diverse tra loro e tutte vittime di femminicidio, piaga della nostra società. Dialoga con l’autrice, Paola Nicolini, docente di psicologia dello sviluppo e dell’educazione Università di Macerata. L’appuntamento è alle 17 a partecipazione gratuita (il link di sola iscrizione: http://bit.ly/3hIU9k8 (per assistenza tecnica tel. 377 7074617).

L’appuntamento è il nono nel 2022 della rassegna Cambiamo discorso, che attraverso confronti con esperte e studiose approfondisce la conoscenza di aspetti dell’universo femminile da un punto di vista di genere, cambiando narrazioni sedimentate, con lo scopo di contribuire al contrasto degli stereotipi. La relatrice del 1 dicembre Norma Stramucci è nata e vive a Recanati dove ha svolto la professione d’insegnante di Letteratura e Storia. È maturata alla scrittura, soprattutto poetica, con la guida di Franco Scataglini. Ha già pubblicato numerosi libri di narrativa e versi. Il suo libro Se mi lasci ti uccido, Abelbooks 2012, in uno stile elegante  ma asciutto e sobrio, secondo i suoi recensori “rifugge da ogni indulgenza alla retorica e al senso del macabro” ed è stato da molti definito “un pugno allo stomaco” come da intenzioni dell’autrice che però non ha dimenticato con l’inserto dal titolo La sposa lumaca di lasciare un messaggio positivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X