facebook rss

Marco Tantucci scomparso da novembre:
telefonata anonima allo zio

ANCONA – Il 44enne ha fatto perdere le sue tracce da 3 settimane e la sorella Barbara, molto preoccupata, si è rivolta a ‘Chi l’ha visto?’. Nella puntata di ieri sera è emerso che uno sconosciuto, nel contattare il parente, avrebbe sostenuto che l'uomo dopo un ricovero a Milano perché vittima di un pestaggio avrebbe lasciato l'ospedale della città meneghina
Print Friendly, PDF & Email

Marco Tantucci

 

Dov’è finito Marco Tantucci? Il 44enne di Ancona non dà più sue notizie dallo scorso 18 novembre ed i familiari si sono rivolti a ‘Chi l’ha visto?’, la trasmissione di Rai Tre che si occupa degli scomparsi. Oltre agli appelli diffusi via social dalla sorella dell’uomo, Barbara Tantucci, nella puntata di ieri sera anche Federica Sciarelli, la conduttrice del programma ne ha lanciato uno.

«Cerchiamo tutti insieme di ritrovare Marco. -ha esortato i telespettatori ieri sera- Ha 44 anni, poche certezze nella sua vita ma una incrollabile: l’amore per la sorella Barbara che sente al telofono ogni volta che può. Il 18 ottobre è arrivata allo zio di Marco, Marcello, una telefonata da un numero anonimo. Qualcuno gli dice che Marco è stato ricoverato a Milano perché vittima di un pestaggio e poi è uscito. Forse la telefonata è stata fatta da qualcuno che ha trovato il giubbotto di Marco? Forse dentro c’era l’agendina con i numeri dei familiari? – si è domandata Federica Sciarelli – C’è anche un messaggio audio mandato alla sorella dove dice ‘Sto tornando ad Ancona‘ e poi più nulla. Forse è tornato ad Ancona? Già era stato ricoverato proprio ad Ancona all’ospedale ma era uscito. Di lui non ci sono più notizie. La sorella Barbara è molto preoccupata perché, tra l’altro, dice che non ha ritirato neanche il reddito di cittadinanza quindi teme che sia successo qualcosa».

Le forze dell’ordine che stanno seguendo il caso confermano che l’uomo è stato ricoverato all’ospedale di Torrette il 17 novembre e che il giorno seguente è stato dimesso. Poi il silenzio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page



X