Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook rss

«Pronti per l’accoglienza dei migranti
poi saranno suddivisi in altre Regioni»

ANCONA - A poche ore dall’approdo al porto delle navi Ocean Viking e Geo Barents, Carlo Ciccioli e Marco Ausili, capogruppo e consigliere regionale di FdI, plaudono all'attenzione che il governo Meloni sta offrendo al fenomeno dell’immigrazione riportandolo al centro del confronto europeo

da sin. Carlo Ciccioli e Marco Ausili

 

 

«Le Marche sono pronte a confermare il proprio profondo senso di accoglienza nei confronti dei migranti che sbarcheranno tra stasera e domani alla banchina 22 del porto di Ancona. Un segno di attenzione nei confronti delle città del Sud della nostra Penisola che da troppi anni si sobbarcano questa emergenza a causa di Governi nazionali passati che si sono dimostrati disattenti e incapaci di far sentire la voce dell’Italia in Europa». Questo il commento del capogruppo di Fratelli d’Italia al Consiglio regionale, Carlo Ciccioli, e del consigliere regionale di FdI, Marco Ausili, a poche ore dall’approdo nelle Marche delle navi Ocean Viking con a bordo 37 migranti e della Geo Barents con 73 migranti.

«Dal Viminale si procederà successivamente alla suddivisione regionale nell’accoglienza dei 110 migranti complessivi. Quindi, solo alcuni resteranno nelle Marche. Siamo, comunque, pronti a livello di Regione a collaborare con i Comuni e le Prefetture, per l’accoglienza. Detto ciò sposiamo in pieno la linea del Governo Meloni che, dal suo insediamento, sta chiedendo a gran voce che l’Europa tutta cambi atteggiamento nei confronti del fenomeno dell’immigrazione. Fermo restando la priorità della vita umana, tutti devono essere salvati, il Paese di primo approdo non può e non deve essere lasciato solo. È il caso dell’Italia, ma anche di Grecia, Malta e Spagna. A differenza degli ultimi decenni, con una piccola parentesi, i Governi italiani che si sono succeduti si sono dimostrati incapaci di far valere le nostre ragioni. Il risultato finale è stato un ingolfamento dei nostri centri di prima accoglienza, distribuiti lungo la Penisola, e un sostanziale isolamento dell’Italia a livello europeo».

Ciccioli e Ausili ritengono inoltre che «con Giorgia Meloni e Fratelli d’Italia al Governo stiamo lavorando, tutti, perché la tanto decantata sussidiarietà europea diventi una realtà. Inoltre, si sta operando affinché le Ong – alcune svolgono un meritorio e innegabile servizio – non finiscano a giocare di sponda con i trafficanti di essere umani che, al contrario, devono essere fermati a qualsiasi costo. Le possibili soluzioni portate avanti da FdI su questo tema sono note da tempo. A partire – concludono – da un impegno concreto dei Paesi di partenza dei migranti con un presidio europeo con il quale si possano individuare i rifugiati dai migranti economici: i primi, lo ribadiamo, devono essere accolti dall’Europa. Il problema, comunque, non può essere risolto istantaneamente, ma non può neanche essere eluso e affrontato nelle attuali modalità» chiude il comunicato.

 

Migranti, il j’accuse di don Vinicio Albanesi: «Sui flussi migratori il problema è la non-politica»

Sbarco migranti ad Ancona: «Ma qual è il contributo dell’amministrazione?»

Arrivo in porto navi Ong: la prefettura cerca operatori per l’affidamento dei minori

«Qui, onde alte fino a due metri: dovremmo arrivare mercoledì» (Video)

Comune e città si preparano all’accoglienza dei naufraghi «Faremo la nostra parte, come sempre»

Migranti, sopralluogo di Aguzzi nell’hub di prima accoglienza (Video) «Non credo vengano gestiti tutti qui»

Accoglienza dei naufraghi salvati, via i lavori alla banchina 22 (Video)

«A bordo della Geo Barents migranti fuggiti dagli orrori dei centri di detenzione libici» (Video)

«Disumano prolungare il viaggio e la sofferenza dei naufraghi»

«Negato anche il trasbordo dei 73 naufraghi da Geo Barents a Ocean Viking»

La Ocean Viking salva 37 persone, la Geo Barents 73: assegnato il porto di Ancona

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




X